CONDIVIDI

notte polare svalbard

La notte polare alle Isole Svalbard in Norvegia e in Alaska: niente sole per due mesi 

I luoghi più vicini al Polo Nord regalo delle impressionanti magnificenze di Madre Natura. Fenomeni che lasciano senza fiato come le aurore boreali, il sole di mezzanotte o le notti polari. Ammirarli vuol dire a volte affrontare condizioni piuttosto estreme, ma ne vale davvero la pena farlo almeno una volta nella vita. In questo periodo dell’anno i luoghi più vicini al Polo Nord vivono la lunga notte polare: ovvero circa due mesi senza sole.

Il fenomeno della notte polare accade per via dell’inclinazione dell’asse terrestre in quei territori che si trovano più vicino al circolo polare; durante l’inverno il sole rimane per un determinato periodo sotto l’orizzonte. In Europa questo avviene solo alle Isole Svalbard in Norvegia. La città più grande al mondo dove ciò avviene si trova invece in Alaska negli Stati Uniti, Utqiaġvik che da fine novembre a fine gennaio rimane senza sole.

Notte Polare in Europa e aurore boreale

Le isole Svalbard sono un arcipelago della Norvegia nel Mar Glaciale Artico e sono il territorio abitato più a nord del mondo. Il circolo polare artico, ossia il Polo Nord, si trova ad appena 1000 km di distanza. In queste isole a dominare in maniera incontrastata è la Natura che detta tutti i ritmi della vita e chi vive qui, in questo terre ricoperte al 60% dai ghiacci, non può fare a meno di obbedire.

Queste isole ospitano tre riserve naturali, sei parchi nazionali, 15 santuari per gli uccelli e un’area geografica protetta. Quest’enorme distesa di ghiaccio sono il regno dell’orso polare e di 3 mila temerari che vivono in questo arcipelago dove le temperature d’inverno si aggirano intorno ai -30 gradi. La maggior parte delle persone vive nel centro di Longyearbyen, un centro moderno con molti locali, ristoranti ed eventi soprattutto in estate.

Da metà novembre le Isole Svalbard vivono la lunga notte polare che termina intorno a fine gennaio. Il sole scende infatti fra i 6 e 12 gradi sotto l’orizzonte e in pieno giorno, a mezzogiorno, non c’è che un leggero bagliore con stelle ben visibili in cielo. Questa condizione è ideale per ammirare il fenomeno dell’aurora boreale che si verifica da inizio ottobre fino a fine febbraio. Alle Svalbard poi d’estate, da metà aprile ad agosto, potrete ammirare il sole di mezzanotte, ovvero la condizione opposta a quella invernale in cui il sole non scende mai sotto l’orizzonte.