CONDIVIDI
Silvia Romano
(Da Il Giornale)

Silvia Romano è il nome della volontaria di appena 23 anni rapita ieri in Kenya, scopriamo chi è.

Il capo della polizia kenyota di Malindi Joseph Boinnet ha rivelato ieri alla stampa internazionale che in seguito ad un’incursione armata in un mercato di Chakama (ad ottanta chilometri da Malindi) in cui sono rimasti feriti 5 bambini è stata rapita una giovane volontaria italiana di appena 23 anni. A confermare il rapimento della ragazza italiana è stata poi l’associazione di volontariato marchigiana ‘Africa Milele‘ con una nota in cui spiegava quanto accaduto alla volontaria: “Il rapimento della volontaria italiana 23enne è avvenuto in una parte del Kenya dove non ci sono centri commerciali, al massimo un negozietto dove si vendono fagioli e dove soprattutto non succede mai niente del genere”, viene spiegato.

Nel prosieguo della nota vengono anche descritti i dettagli dell’incursione: gli assalitori hanno primariamente gettato un petardo e sparato diversi colpi d’arma da fuoco, quindi sono entrati direttamente nell’appartamento in cui si trovava la ragazza e l’hanno rapita. Il presidente della onlus marchigiana conclude affermando: “probabilmente perché lì sapevano che c’era una italiana, anche se non so spiegarmi il motivo di quello che è successo. In quel momento era da sola, perché altri erano partiti”.

Leggi anche -> Kenya, volontaria italiana rapita in un attacco ad un orfanotrofio: 5 bimbi feriti 

Silvia Romano, chi è la volontaria di 23 anni rapita in Kenya

In un primo momento, per rispetto della privacy dei familiari, l’associazione di volontariato non ha voluto condividere le generalità della sua volontaria. Con il passare delle ore si è scoperto che si trattava di Silvia Romano, una ragazza di 23 anni nata e residente a Milano che aveva deciso di volare in Kenya per dare una mano d’aiuto ai poveri ed ai bambini in difficoltà della nazione africana. A quanto pare da qualche tempo Silvia si era stabilita in un appartamentino nei pressi del mercato di Chakama, la sua presenza è stata notata dai guerriglieri che ieri sera sono andati a prelevarla a colpo sicuro.

Leggi le nostre notizie anche su Google News