CONDIVIDI

vita-albero-parco-nazionale-abruzzo

Un video emozionante che racconta un anno di vita di un faggio nel Parco Nazionale d’Abruzzo.
Per Natale, molti di noi decorano la propria abitazione con il famoso albero di Natale. È una tradizione, ma c’è una magia speciale legata a questa particolare decorazione che non si collega alle palline o alle luminarie, ma proprio alla magia della nascita e crescita di un albero normale che si trova in una foresta 365 giorni all’anno.

Il video del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise che racconta la vita di un albero

Nel Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise è stata infatti posta una telecamera accanto ad un albero e si è deciso di firmare per un anno intero la “vita” di un albero e di tutti gli animali che passavano di qui. Tutto è nato appunto nella famosa faggeta del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise che è stata candidato dall’Unesco a patrimonio mondiale dell’umanità. Al fine di promuovere questa candidatura è stato così creato un video perfetto per il Natale realizzato da due fotografi che si chiama Forestbeat.

Se volete rimanere aggiornate sulle mete più belle per Natale 2018 CLICCATE QUI.

Forestbeat: il video che racconta la vita degli alberi

Il protagonista di questo video che vuole sponsorizzare la candidatura del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise a patrimonio dell’umanità vede un un albero posizionato tra le valli di Pescasseroli in provincia dell’Aquila ed è un luogo visitato da tantissimi animali che qui vivono. Se gli alberi infatti ci sembrano tutti uguali, in realtà, come spiegano Bruno D’Amicis e Umberto Esposito, i fotografi che hanno creato questo progetto, ogni albero è diverso e gli animali li vivono come se fossero dei pezzettini della loro casa. Così in questo video si vedono moltissimi animali selvaggi che annusano, mangiano, crescono proprio accanto a questi alberi della faggeta del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Ecco allora che per questo Natale 2018 guardando il vostro albero di Natale in casa (preferibilmente finto per evitare di danneggiare la natura) probabilmente rimarremo un pochino più coinvolti ed emozionalmente gioiosi pensando a quello che è realmente un albero e la straordinaria vita della natura.