Ora legale addio: dormiamo un’ora in più, ecco chi ne soffrirà

Ora legale addioQuesto fine settimana diremo addio all’ora legale e passeremo all’ora solare: sebbene avremo la possibilità di dormire un’ora in più alcuni di noi potrebbero soffrire per il cambio.

Anche in questo 2018 si è giunti al consueto cambio dall’ora legale a quella solare che ci permetterà di dormire un’ora in più. Il passaggio avverrà la notte tra sabato 27 ottobre e domenica 28 ottobre alle ore 3:00, momento in cui le lancette dell’orologio verranno portante indietro di 60 minuti. Il cambio ci permetterà di stare a letto un’ora in più, un cambio vantaggioso, ma solo in apparenza poiché le giornate più corte potranno creare dei problemi ai più mattinieri.

Leggi anche -> È ora di cambiare l’ora legale, sabato notte 28 ottobre spostiamo le lancette

Leggi anche -> Ora Legale/Solare, 2018 in Italia, Ecco quando fare il cambio dell’ora!

Ora legale addio: ecco chi soffrirà per il cambio dell’ora

Il 60% delle persone non subirà alcun mutamento a causa del cambio dell’ora, poiché avendo ritmi sonno/veglia regolari, lo spostamento d’orario non comporterà un grosso problema. Il restante 40% delle persone si divide in persone che vanno a letto tardi ed altre che al contrario si svegliano nelle primissime ore del mattino. Proprio questi ultimi (circa il 10%) potrebbero essere quelli maggiormente colpiti dall’addio all’ora legale: i sintomi principali saranno malinconia, cattivo umore, stanchezza, questi nella prima settimana potrebbero comportare un abbassamento nella qualità del lavoro, un peggioramento della qualità della vita e maggiore sensibilità a varie patologie.

Esistono per i soggetti più sensibili delle contromisure da prendere, come ad esempio lavorare in un ambiente con maggiore illuminazione, questo perché a causare il calo prestazionale e dell’umore è la mancanza di melatonina, sostanza che il nostro corpo sviluppa grazie all’esposizione ai raggi del sole. Per gli squilibri ormonali è invece consigliato fare attività fisica mattutina. Ultimo consiglio è quello di mantenere gli orari dei pasti agli orari tradizionali ed evitare pietanze pesanti.

Leggi le nostre notizie su viaggi, attualità, cronaca e curiosità anche su Google News