CONDIVIDI
Ritiro lotto
(Websource)

Il ministero della Salute ha richiesto il ritiro di un lotto di croissant Bauli con crema. Rilevata la presenza della salmonella spp, l’azienda sta provvedendo al ritiro del lotto in questione.

In data 3 ottobre 2018 il Ministero della Salute ha mandato all’azienda Bauli un richiamo ufficiale per il ritiro di un lotto di merendine prodotte nello stabilimento di via Verdi 31 a Castel d’Azzano (Verona). Le merendine interessate dal richiamo sono i croissant a lievitazione naturale con crema al latte appartenenti al lotto LA8312BR con scadenza fissata al 30/11/2018, vendute in confezioni da 300 grammi all’interno delle quali sono presenti 6 merendine da 50 grammi ciascuna.

Il motivo del richiamo è il rilevato rischio microbiologico: in seguito ad un controllo a campione sono state effettuate delle analisi sul prodotto che hanno portato a rilevare la presenza del batterio della salmonella spp. Consumare, dunque, le merendine del suddetto lotto potrebbe causare problemi di salute ed è pertanto consigliato ai consumatori di evitarlo.

Leggi anche -> Acqua San Benedetto contaminata, ritirato un lotto dal Ministero della Salute 

Bauli, ritiro lotto croissant per rischio microbiologico

Come sempre in questi casi, l’azienda produttrice è chiamata al ritiro della merce non adatta alla vendita. I centri vendita che sono in possesso delle merendine contaminate sono chiamate a contattare l’azienda per favorire il ritiro del lotto e far provvedere alla sostituzione. Tutte le confezioni rimanenti, dovranno quindi essere ritirate dagli scaffali per evitare che i clienti le acquistino. I clienti che avessero acquistato il prodotto prima del richiamo sono invece invitati a controllare il numero del lotto e la data di scadenza per verificare che le merendine in proprio possesso non appartengano al lotto contaminato dalla salmonella. Qualora le avessero in casa ne è sconsigliato il consumo e suggerita la restituzione al punto vendita dal quale sono state acquistate per ottenere il rimborso o la sostituzione della merce.

Leggi le nostre notizie anche su Google News