Home News Maltrattato e abbandonato sul terrazzo, Rocky non ce l’ha fatta

Maltrattato e abbandonato sul terrazzo, Rocky non ce l’ha fatta

CONDIVIDI
Rocky
(Facebook)

E’ morto Rocky, il cane (un cucciolo di Rottweiler) soccorso da un terrazzo dove il padrone lo aveva lasciato al caldo senza cibo né acqua a Trapani.

I guaiti del cane lasciato da solo nel terrazzo di casa senza cibo né acqua sotto il sole cocente di questi giorni, hanno allertato i vicini che hanno segnalato alle autorità il maltrattamento del povero animale. Quando i soccorsi sono giunti per sottrarlo alla tutela dei padroni e affidarlo ad una clinica veterinaria per cercare di salvargli la vita, Rocky (così si chiamava il cucciolo di Rottweiler) era in condizioni gravi ed i tentativi dei veterinari di salvargli la vita si sono rivelati vani.

Leggi anche -> Messina, avvelenati dieci cuccioli di cane con bocconi alla stricnina: una strage

Leggi anche -> Buddy, il cane eroe del soccorso alpino è stato avvelenato e ucciso

Cane maltrattato e abbandonato, Noita: “Rocky non ce l’ha fatta”

A comunicare la triste notizia della morte del cucciolo di Rottweiler è stato il veterinario e presidente della associazione Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali (Onlus che si è preso in carico le cure dell’animale), Enrico Brizzi. La notizia della morte del cane ha creato una sommossa sui social con decine di animalisti che si sono detti pronti a scendere a Trapani per organizzare una manifestazione di protesta nei confronti del padrone del cane appena deceduto.

A tal proposito lo stesso Brizzi ha voluto smorzare la tensione ed ha invitato gli animalisti a ragionare lucidamente sugli obbiettivi da raggiungere per tutelare gli animali vittime di abusi e maltrattamenti, quindi su Facebook ha scritto: “Se siamo in tanti e l’obiettivo è quello di far smuovere i nostri politici a cambiare la legge 189/04 a tutela degli animali, siamo daccordo. Capiamo la rabbia, capiamo tutto, ma se pensate di venire per fare atti illeciti, no. Chi è disposto a venire ci scriva in privato. Contiamo di decidere nel giro di 72 ore”.

Leggi le nostre notizie su Google News