CONDIVIDI
alghe-cucina-commestibili-proprietà
iStock

Le alghe sono entrate nella nostra alimentazione, ma fanno bene? Quali sono quelle commestibili e che proprietà hanno?

Sempre più spesso, negli ultimi anni, la cucina mediterranea tipica italiana è stata contaminata da diverse pietanze proveniente dal mondo. Un esempio concreto è la cucina cinese e giapponese che ha letteralmente preso d’assalto la nostra cultura e la nostra alimentazione inserendo nella nostra dieta alcuni alimenti che, in altri contesti, non avremmo mai mangiato come le alghe. Le alghe sono proteiche, proprio come il pesce, ricche di vitamine come le verdure e di sali minerali. Oltre a questo le alghe sono anche molto poco caloriche. I ricercatori hanno così scoperto svariate virtù di questo alimento è la NASA, ad esempio, ha deciso di inserire l’alga nell’alimentazione degli Astronauti! Vediamo allora dettagliatamente che cosa sapere delle alghe.

Alghe commestibili: qualità e benefici

Prima di tutto bisogna sapere che ci sono circa 20 mila specie di microalghe, ma soltanto pochissimi finiscono sulle nostre tavole. Queste sono le più ricche di sali minerali, come lo iodio, mentre le microalghe che sono più comuni crescono sia in acqua dolce che salata e sono più ricche di proteine. Tutte le alghe forniscono tantissime vitamine dei gruppi a b c e k, sono ricche di calcio, ferro, magnesio, sodio, potassio, fosfor,o zinco e selenio e riescono ad assorbire i metalli pesanti che si accumula nell’organismo e che quindi possono causare anche dei disturbi al sistema respiratorio o delle allergie.

Come se non bastasse le alghe fanno anche bene al cuore perché essendo così povere di calorie e ricche di fibre  di anche di Omega 3, questi acidi grassi polinsaturi, riducono le infiammazioni e abbassano i livelli di trigliceridi e colesterolo cattivo. Inoltre pare che le alghe aiutino ad aumentare le risposte del sistema immunitario e a regolare anche il metabolismo per tenere sotto controllo il peso.

Tipologie di alghe commestibili

Le alghe verdi, che sono quelle più comuni e che vediamo più spesso sono ricche di vitamine A e C. Proprio loro aiutano nostro sistema immunitario a difendersi dagli attacchi esterni. Invece le alghe verdi-azzurre un pochino più scure e particolari sono ricche di spirulina e hanno una capacità antiossidante altissima con capacità anche antinfiammatorie e immunostimolanti.

Alghe a tavola sì, ma chiedete al medico

Non tutti però possono mangiare le alghe perché avendo questa grande quantità di iodio potrebbero causare disturbi alla tiroide o aumentare i problemi di insonnia per chi ne soffre, causare disturbi epatici…In ogni caso, dopo aver chiesto al medico, sarebbe bene mangiare le alghe non più di una volta alla settimana.

S,Marvaldi