CONDIVIDI
Lubecca
(Sascha Steinbach/Getty Images)

Choc a Lubecca, in Germania: un uomo armato di coltello e pistola assale un autobus e ferisce diverse persone, dodici in tutto, due sono gravi.

12 persone sono state ferite dopo un incidente “violento” su un autobus a Lubecca, in Germania. Da quanto si apprende un passeggero avrebbe lasciato cadere uno zaino che, secondo quanto riferito dai media locali, avrebbe iniziato a fumare, mentre le altre persone a bordo del bus si mettevano a urlare e saltare via. L’aggressore sarebbe stato armato con un coltello – anche se tra confuse prime notizie, alcuni media riportano l’esistenza di una pistola, ancora da confermare.

Leggi anche –> Berlino, aggressione in metropolitana: due feriti gravi

Il tragico bilancio dell’agguato di Lubecca

Mentre i primi resoconti affermavano che un uomo è stato ucciso, notizia da confermare, mentre due sarebbero i feriti gravi. Testimoni oculari dicono che l’autobus era pieno al momento, quando un passeggero maschio avrebbe lasciato cadere uno zaino. L’uomo, a quanto si dice, ha estratto una pistola e ha attaccato quelli che erano sul bus. L’autista del bus fermò immediatamente il veicolo e aprì le porte perché i passeggeri fuggissero, prima che anche lui fosse presumibilmente attaccato dall’assalitore.

La polizia è arrivata sul posto a pochi minuti dalle prime chiamate di emergenza. Il reporter Steffen Ludke ha twittato che il presunto autore sarebbe stato “travolto” dalla polizia prima di essere arrestato sulla scena del crimine. Quindi, la situazione è tornata alla calma. Un testimone oculare, nominato solo come Lothar H, 87 anni, vive nelle vicinanze del luogo del tragico assalto: “I passeggeri sono saltati fuori dal bus e hanno urlato, è stato terribile, e poi i feriti sono stati portati via”.