CONDIVIDI
(Facebook)

Un padre ha strangolato sua figlia, che non viveva con lui ma con cui aveva un rapporto molto stretto, perché glielo ha ordinato la Morte. La notizia è stata riferita dalla polizia, dalla quale l’uomo si è recato per costituirsi.

Il corpo di America Diana Henao Sanchez, ragazza di 16 anni, è stato ritrovato sotto una coperta dalla polizia dopo che il padre della giovane ne ha indicato la collocazione. Il padre della 16enne, Jonathan Alberto Henao di 33 anni, l’ha prima strangolata nella sua abitazione situata a Cali, in Colombia e si è poi diretto verso la stazione di polizia. Alle domande degli agenti sui motivi che lo hanno spinto al folle gesto l’uomo ha risposto che è stata la Morte a dargli i macabro compito.

Leggi anche —> Amelia uccisa a 4 anni dalla mamma nel giardino di casa

Durante un rituale satanico la Morte ha ordinato al padre di uccidere la sua stessa figlia

Jonathan Alberto Henao ha raccontato agli agenti che la decisione di strangolare America Diana gli fu chiara quando, durante il rito satanico che stava svolgendo, la Morte gli ha parlato obbligandolo a sacrificare sua figlia. Gli agenti cui l’uomo si è rivolto per confessare il crimine hanno raccolto la sua dichiarazione rimanendo stupefatti, come ha riferito il comandante della polizia alla stampa: “Ci ha detto che aveva ucciso sua figlia. Era coerente e lucido, ha spiegato che una voce dentro di lui gli diceva di ucciderla. Ci ha detto che era La Morte a parlargli”.

Leggi anche —> Anziana uccisa a martellate vicino Torino: genero in manette

Gli agenti preposti alle indagini hanno riferito che l’uomo, che abitualmente faceva uso di droghe, anche durante il rito e la successiva confessione era sotto l’effetto di sostanze stupefacenti che, probabilmente, hanno contribuito ad annebbiarne il giudizio. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di omicidio volontario ma sarà necessario stabilire la necessità o meno di una perizia psichiatrica per l’imputato. Ciò che è emerso è che l’uomo non solo era molto presente nella vita della figlia, anche se questa dopo il divorzio dei genitori viveva con la madre, ma che la ragazza era estremamente legata al padre.

Marta Colanera