CONDIVIDI
fioritura di castelluccio
Fioritura nella piana di Castelluccio di Norcia, 2018 (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Fioritura di Castelluccio. La Piana di Castelluccio di Norcia è tornata a fiorire come ogni anno a luglio. Le foto dello spettacolo.

Ferita profondamente dai terremoti del 2016, la zona di Castelluccio di Norcia, in Umbria, è una delle più belle e straordinarie d’Italia. Il paese di case di pietra sorge sulla sommità di una collina a 1.452 metri di altitudine, al di sotto si estende il vasto altopiano della Piana di Castelluccio, dominata dal Monte Vettore, la cima più alta della catena dei Monti Sibillini, a cavallo tra Umbria e Marche.

Questa zona ha un fascino tutto particolare, quasi mistico, ed è rimasta intatta nella sua bellezza paesaggistica. Gli inverni qui sono rigidi, un posto da lupi, in primavera ed estate il paesaggio assume colori straordinari, che offrono il massimo del loro spettacolo ai primi di luglio, quando si verifica il fenomeno della “Fiorita“, ovvero la fioritura che colora di rosso, giallo, viola e azzurro la Piana. Sul vasto altopiano, sbocciano papaveri, margherite, fiordalisi e i fiori della lenticchia, che qui viene coltivata ed è una delle più pregiate d’Italia.

fioritura di castelluccio
Il paese di Castelluccio visto dalla Piana in fiore (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Dalla collina che domina l’altopiano a nord svetta il caratteristico borgo di Castelluccio di Norcia, purtroppo pesantemente danneggiato dal terremoto del 2016 e in attesa di ricostruzione. La strada provinciale 477 che attraversa la Piana e sale a Castelluccio è stata chiusa a lungo a causa dei danni del terremoto, ha riaperto solo lo scorso marzo, dalle 5.30 della mattina alle 21.30, a orario continuato. Attenzione, però, ad alcuni tratti ancora precari e con traffico alternato regolato da semafori. La strada provinciale si prende sia dall’Umbria, che dalle Marche, salendo dalla Salaria, da Arquata del Tronto, lungo la SP 89 per Pretare, quindi imboccare la SP 477 che corre alle pendici del Monte Vettore.

La fioritura della Piana di Castelluccio si è manifestata anche quest’anno in tutto il suo splendore. Forse ancora più colorata e bella, segno di una rinascita a cui gli abitanti del luogo non hanno mai rinunciato e che stanno portando avanti con tutte le loro forze per non abbandonare a se stessi e alle devastazioni del terremoto questi luoghi meravigliosi. Grazie alla riapertura della SP 477, poi, visitare questo posto è diventato più facile. Di seguito vi proponiamo una galleria fotografica della fioritura della Piana di Castelluccio dei primi di luglio 2018.

fioritura di castelluccio
La Piana di Castelluccio in fiore, luglio 2018 (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Fioritura di Castelluccio: lo spettacolo della Piana in fiore

Ecco le foto della Piana di Castelluccio in fiore ai primi di luglio 2018. La meraviglia dei colori di papaveri, fiordalisi e fiori di lenticchie sul grande altopiano dell’Umbria, sotto la Cima del Redentore del Monte Vettore e

fioritura di castelluccio
La Piana di Castelluccio in fiore (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
Il borgo di Castelluccio di Norcia, visto dalla Piana (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
I fiori della Piana di Castelluccio (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
Un uomo cammina tra i papaveri in fiore della Piana di Castelluccio (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
Lo spettacolo dei fiori multicolore della Piana di Castelluccio (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
I colori dei fiori emergono dall’ombra (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
Campi di fiori di lenticchie e papaveri nella Piana di Castelluccio (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
Ancora i fiori della Piana di Castelluccio (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
fioritura di castelluccio
Rosso, giallo, viola e azzurro emergono dall’ombra nella Piana di Castelluccio (TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Castelluccio è una frazione del comune di Norcia. Anche questo pesantemente danneggiato dal terremoto del 2016, in particolare dalla seconda forte scossa del 30 ottobre. La volontà è comunque quella della ricostruzione, per riportare questi luoghi alla loro originaria bellezza, nonostante le difficoltà e le lungaggini burocratiche.

Mappa di Castelluccio e della Piana.

A cura di Valeria Bellagamba