CONDIVIDI
Surgelati Findus
Surgelati Findus

Aumentano i ritiri di prodotti alimentari surgelati per il rischio di infezione da Listeria. Gli esperti consigliano di cuocere i cibi a 65 gradi

Si allargano i ritiri di prodotti alimentari surgelati. In particolare la Findus ha ritirato diversi lotti di 4 tipi di minestroni per il rischio di contaminazione da batterio Listeria. Si tratta in particolare dei prodotti: Minestrone Tradizione 1 KG (lotti L7311, L7251, L7308, L7310, L7334); Minestrone Tradizione 400g (lotti L7327, L7326, L7304, L7303); Minestrone Leggeramente Sapori Orientali 600g (lotti L7257, L7292, L7318, L8011); Minestrone Leggeramente Bontà di semi 600g (lotto L7306). Due prodotti surgelati a marchio Freshona nei punti vendita della sola Sicilia sono stati ritirati dalla Lidl a scopo precauzionale. Il ritiro però riguarda tutta l’Europa e coinvolge altre note marche che hanno ritirato prodotti. L’epidemia da Listeria è in corso dal 2015 ed ha già colpito 47 persone in Europa provocando 9 decessi.

Allarme Listeria, cosa fare per sconfiggere i batteri

In Austria sono stati ritirati i prodotti di una catena di supermercati a basso costo. Tra gli altri alcuni mix di verdure, mentre in Germania mix di verdure e il mais dolce da un chilo venduti sempre nei discount. Nel Regno Unito sono stati ritirati 43 prodotti a base di mais dolce. I consigli degli esperti prevedono la possibilità di cuocere i cibi a 65 gradi perché uccide i batteri, unica possibilità di mettere al sicuro. Inoltre gli alimenti, contaminati da Listeria monocytogenes, possono manifestare sintomi simil-influenzali o forme gastroenteriche che guariscono spontaneamente. Sepsi o meningiti possono colpire anziani e persone con basse difese immunitarie o che stanno facendo uso di farmaci immunosoppressori. Nella donna in gravidanza l’infezione può causare aborto o sepsi neonatale. Queste le parole di Giulia Grillo, ministro della Salute: “Sto seguendo con la massima attenzione la vicenda del batterio Listeria. I miei uffici hanno subito predisposto tutti i controlli e le misure necessarie”. Al momento non sono stati segnalati focolai in Italia.