CONDIVIDI
Piacenza
(Websource)

Macabra vicenda è accaduta a Palermo dove un cliente che stava mangiando un gelato ci ha trovato dentro un dito. Le Forze dell’Ordine stanno cercando di fare luce sulla vicenda che include violazioni delle basilari norme di sicurezza sul lavoro ed igienico-sanitarie.

A Palermo, nella zona di Passo di Rigano, un uomo è entrato in un bar ed ha acquistato un gelato ma mentre lo stava mangiando si è accorto che all’interno c’era la falange di un dito umano. Il cliente, fatta la macabra ed inusuale scoperta, è svenuto ma ha poi allertato le autorità competenti. Il dito, dalle prime ricostruzioni, sembra sia appartenuto ad un uomo che lavorava all’interno del bar e che, non essendo in regola dal punto di vista contrattuale, non ha segnalato il terribile infortunio (o non lo ha segnalato il proprietario dell’esercizio, questo è un elemento ancora al vaglio degli inquirenti). La porzione di dito sarebbe caduta dopo l’infortunio all’interno del pozzetto dei gelati per essere poi ritrovata dal malcapitato cliente.

 

Leggi anche —> Boccadifalco, Palermo: la lettera shock “Pericolo crolli, non dormite lato monte”

Le Forze dell’Ordine indagano sulle molteplici violazioni dei diritti sul lavoro e delle norme igieniche

Sulla falange trovata nel gelato, appartenente ad un lavoratore che, non essendo in regola, non è stato neanche doverosamente assistito sono ora in corso moltissime indagini e le Forze dell’Ordine si sono già coordinate e mosse per il sequestro di tutta l’attrezzatura compromessa.

 

Leggi anche —> Palermo: auto precipita in una scarpata, Simona e Piero muoiono a 28 anni

 

La compagnia di San Lorenzo, quella di Misilmeri, i Nas e il nucleo dei carabinieri dell’Ispettorato del lavoro sono in tutto i quattro diversi reparti stanno ora indagando su come questa vicenda possa essere stata possibile e sul materiale sequestrato nel bar. Il lavoratore in nero che si è ferito è stato assistito e sarà ascoltato dagli uomini dell’Ispettorato del lavoro riguardo i dettagli delle sue condizioni lavorative nell’esercizio.

Marta Colanera