CONDIVIDI
giornalista russo ucciso
Arkady Babchenko (screenshot Youtube)

La morte del giornalista russo Arkady Babchenko, ucciso ieri a Kiev, era tutta una messinscena: scambio di accuse tra Russia e Ucraina.

Nelle scorse ore, era emersa la notizia che un giornalista russo dissidente era stato ucciso nel suo appartamento a Kiev, probabilmente a causa della sua attività. Si trattava di Arkady Babchenko, un veterano russo corrispondente di guerra. L’agguato era descritto nei minimi dettagli: il giornalista sarebbe stato colpito tre volte alla schiena mentre lasciava il suo appartamento per comprare il pane. Era poi stato trovato sanguinante da sua moglie. Babchenko, 41 anni, sarebbe morto in ambulanza all’ospedale, ha detto un funzionario del governo. Ma non era vero.

Leggi anche –> Terza Guerra Mondiale, l’occidente si prepara? La verità sulle armi chimiche

Perché è stata organizzata la messinscena del giornalista russo ucciso

Il giornalista dissidente russo Arkady Babchenko, che è stato riportato ucciso in Ucraina, è apparso vivo in una conferenza stampa sulla sua stessa morte a Kiev. Vasily Gritsak, capo del servizio di sicurezza ucraino, ha detto ai giornalisti che l’agenzia ha falsificato la morte di Babchenko per catturare coloro che stanno cercando di ucciderlo. Babchenko si è presentato alla conferenza stampa mercoledì e ha ringraziato tutti coloro che piangevano la sua morte. Con le lacrime agli occhi, il giornalista ha detto che aveva “fatto il suo lavoro, ed era ancora vivo”.

Ha sottolineato il giornalista: “Ho seppellito i miei amici… Conosco la sensazione di repulsione. Mi scuso con mia moglie. Olga cara, mi dispiace. Non c’era altro modo”. Babchenko ha detto che l’operazione è durata due mesi e gli è stato detto un mese fa. “Il dato più importante è che mi hanno salvato la vita e fermato un attacco terroristico più grande”, ha aggiunto.

Messinscena del giornalista ucciso: accuse dalla Russia

Il ministero degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto di essere felice che Babchenko fosse ancora vivo, ma ha accusato l’Ucraina di usare la sua storia come propaganda. Il 41enne è uno dei reporter di guerra più noti della Russia. Ha parlato di lasciare il paese l’anno scorso a causa delle ripetute minacce contro se stesso e la sua famiglia. Secondo Anton Gerashchenko, un deputato ucraino con stretti legami con la polizia e i servizi di sicurezza, la “brillante operazione speciale” è stata un successo e ha consentito l’arresto dei mandanti del presunto agguato a Babchenko e del killer assoldato per eliminarlo.

A cura di Gabriele Mastroleo