CONDIVIDI
Mattarella
(VINCENZO PINTO/AFP/Getty Images)

Mattarella convoca Cottarelli al Quirinale: sarà lui nuovo premier?

Il Presidente della Repubblica Mattarella ha convocato per domattina al Quirinale Carlo Cottarelli. Potrebbe dunque affidare a lui l’incarico di formare un nuovo governo dopo il clamoroso veto sul nome di Paolo Savona che ha fatto saltare tutto il lavoro di Lega e 5 Stelle per formare un governo politico.

Pochi giorni fa Cottarelli aveva criticato l’idea di Lega e 5 Stelle di introdurre la Flat Tax: “La flat tax, l’abolizione della legge Fornero, il reddito di cittadinanza e un paio di altre cose che ci sono nel contratto di governo M5s-Lega portano a un aggravio per il bilancio dello Stato tra i 110 e i 125 miliardi di euro. Per dare un ordine di grandezza, la spesa sanitaria in Italia è più o meno della stessa dimensione”. E sottolinea: “Se la flat tax viene introdotta, ed è importante sottolineare il se, assieme alla eliminazione o comunque alla riduzione di tutta questa marea di deduzioni e detrazioni che rendono complicato il calcolo della base imponibile, comporta una semplificazione del sistema. Questo è un vantaggio ed è una cosa di cui l’Italia ha molto bisogno. Lo svantaggio” – continua – “è che costa un mucchio di soldi. E soltanto se viene almeno in parte finanziata dal taglio delle deduzioni e delle detrazioni, può funzionare. Io non credo che si possa introdurre la flat tax sperando che si autofinanzi da sola, sarebbe un rischio molto grosso. Nell’esperienza di altri Paesi non ha funzionato sempre”

I 5 Stelle chiedono l’impeachment di Mattarella

Fonti interne e autorevoli del Movimento Cinque Stelle fanno sapere che sono pronti a procedere con l’impeachment nei confronti del Presidente Mattarella per alto tradimento. I numeri in Parlamento ci sono anche se l’iter per un procedimento senza precedenti in Italia è contorto e difficoltoso. Anche Fratell’ d’Italia si unisce a questa richiesta.

Clamoroso, Mattarella sotto impeachment, 5 Stelle: “Sfiducia in Parlamento”

Berlusconi esprime solidarietà a Mattarella e attacca i 5 Stelle definendo irresposnabile la richiesta di impeachment

Mattarella ha dapoco spiegato perché ha posto il veto sul nome di Paolo Savona come Ministro dell’Economia –> Mattarella diretta Live: “Non ho accettato Ministro Economia che voleva uscire dall’Euro”

Ecco le sue parole: Ho agevolato in ogni modo il tentativo di Lega e 5 Stelle di dare vita ad un governo. Ho atteso tutto il tempo che mi hanno chiesto. Ho accolto la proposta per l’incarico di presidente del Consiglio superando ogni perplessità sul fatto che si trattasse di un nome non eletto in Parlamento. Nessuno può sostenere che io abbia ostacolato la formazione del governo che viene definito del cambiamento. Avevo fatto presente a Di Maio e Salvini e anche a Conte che per alcuni ministeri avrei esercitato un’attenzione particolarmente alta sulle scelte da compiere. Oggi il professor Conte mi ha presentato le sue proposte per i ministri che come da Costituzione io devo firmare. In questo caso ho condiviso tutte le proposte per i ministri tranne quella per il Ministro dell’Economia. Ho chiesto per quel ministero l’indicazione di un autorevole esponente politico della maggioranza che non fosse visto come sostenitore di una linea che potrebbe provocare la fuoriuscita dell’Italia dall’Euro. Conte di fronte a questo ha rimesso il mandato. Dovevo essere attento alla tutela dei risparmi degli italiani. Sono stato informato della richiesta di forze politiche di andare al voto anticipato. Valuterò e nelle prossime ore assumerò un’iniziativa”.

Cosa era accaduto negli ultimi convulsi minuti

ULTIMA ORA – AGGIORNAMENTO Conte ha rimesso il mandato al Presidente Mattarella: “Ho profuso il massimo sforzo, ringrazio tutti”. Salta tutto dunque proprio per il veto di Mattarella sul nome di Paolo Savona al ministero dell’Economia.

Aggiornamento ore 20.18 – Di Maio infuriato: “Avevamo la maggioranza in Parlamento. Ora ci hanno detto di no. In questo Paese è inutile che andiamo a votare, i governo li decidono le agenzie di rating, li decidono sempre gli stessi. Anche quando il popolo dà più del 50% di consensi a due forze politiche che vogliono cambiare le cose. E’ inaccettabile, è un livello di scontro istituzionale mai visto.

A seguito dell’incontro di questo pomeriggio tra i leader del M5S e Lega con Sergio Mattarella, fonti pentastellate hanno dichiarato: “Mattarella ha posto il veto su Savona. Riportando dunque l’opposizione del Capo dello Statoall’elezione alla carica di ministro dell’Economia per Paolo Savona.
Lo stesso Savona, nelle ore appena trascorse, nel tentativo di smontare le accuse di antieuropeismo che lo vedevano in questi giorni essere al centro delle polemiche, ha tentato di chiarire le proprie posizioni, soprattutto in materia di Unione europea, sintetizzando il proprio pensiero afferamando: “voglio una Europa diversa, più forte, ma più equa.

Le dichiarazioni di Salvini sul veto di Mattarella

Nel frattempo il leader della Lega Salvini, non accettando il veto del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sul nome di Paolo Savona come Ministro dell’Economia, ha dichiarato: “Se siamo in democrazia si torna al voto. Non accettiamo veti di nessun tipo” .