CONDIVIDI
rigore inesistente arbitro arrestato
(screenshot video)

Uno scandalo sta scuotendo il mondo del calcio in Serbia: arbitro arrestato per abuso d’ufficio dopo aver concesso un rigore inesistente.

Uno scandalo sta scuotendo in queste ore il mondo del calcio serbo: è finito in manette un arbitro con l’accusa di abuso d’ufficio. Non si tratta di un arbitro qualsiasi, ma di Srdjan Obradovic, uno dei migliori fischietti della massima serie. Oggi il direttore di gara verrà ascoltato da un giudice a Novi Sad e dovrà chiarire la sua posizione. L’accusa è di aver platealmente favorito lo Spartak Subotica in un match contro la Radnicki Nis, entrambe in corsa per un posto in Europa League. Tra le altre cose, alla squadra di casa è stato assegnato un rigore inesistente. Insomma, altro che il “bidone dell’immondizia al posto del cuore” di cui parlava Gigi Buffon al termine di Real Madrid-Juventus, il fischietto serbo l’avrebbe davvero combinata grossa.

Leggi anche –> La Uefa apre un’indagine su Buffon per il dopo Real-Juventus

Le accuse all’arbitro per il rigore inesistente

Le accuse all’arbitro arrivano direttamente dal ministero degli interni del paese: “Obradovic è sospettato di abusare della sua autorità nel match tra Spartak Subotica e Radnicki Nis per favorire la squadra di casa contro i rivali. Sarà detenuto per 48 ore e consegnato al procuratore in carica”, si legge in una nota. Lo Spartak ha vinto la partita per 2-0 e ha preceduto Radnicki al terzo posto qualificandosi in Europa League prima dell’ultimo turno di partite, grazie a due rigori che hanno lasciato gli spettatori, sia a casa che sugli spalti, quantomeno perplessi.

Le immagini del resto parlano chiaro: in occasione di uno dei due penalty concessi, un difensore del Radnicki devia un innocuo cross basso dalla destra con i piedi che non fanno alcun contatto con nessuno dei giocatori di casa, ma Obradovic ha assegnato il calcio di rigore. Le proteste hanno anche spinto il capo della federcalcio serba Slavisa Kokeza a chiedere alle autorità calcistiche di punire di conseguenza Obradovic e sospenderlo. I media serbi hanno quindi attaccato Obradovic dopo l’accaduto e hanno mostrato video di una lunga lista di sue decisioni sbagliate nelle partite precedenti, in particolare in un derby di Belgrado nel marzo 2017.

In quell’occasione, Obradovic ha permesso che il gioco continuasse dopo che la palla era chiaramente uscita e la Stella Rossa aveva pareggiato la partita, tra le proteste dei giocatori del Partizan. Il miglior arbitro della Serbia Milorad Mazic e i suoi assistenti sono stati incaricati di arbitrare la finale della Champions League del 26 maggio tra i detentori del Real Madrid e il Liverpool a Kiev.

A cura di Gabriele Mastroleo