CONDIVIDI
Lampedusa acqua
Lampedusa – Getty Images

Problemi di acqua inquinata a Lampedusa: la colpa è tutta di un depuratore

Acqua inquinata a Lampedusa? C’è un motivo ben preciso. E’ in corso un’indagine di accertamento sull’inquinamento dell’acqua a Lampedusa, in Sicilia, dove è stato sequestrato l’impianto di depurazione del Comune. Gli impianti non sono funzionanti e il livello di inquinamento è salito alle stelle. Pare addirittura che l‘inquinamento da batteri fecali sia di ben 10mila volte superiore ai limiti di legge. Questo è quanto emerge dagli accertamenti portati avanti dalla Procura di Agrigento, che ha disposto il sequestro dell’impianto e ha fatto partire le denunce. I magistrati hanno notificato 13 avvisi di garanzia e sequestrato 600 tonnellate di materiali.

Fra gli indagati ci sono l’ex sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, e l’attuale capo dell’amministrazione comunale, Totò Martello, ritenuti responsabili in quanto il depuratore dell’acqua è gestito direttamente dal Comune di Lampedusa. L’operazione è stata portata avanti dal Procuratore capo della Repubblica di Agrigento, Luigi Patronaggio, con il comandante dei carabinieri Giovanni Pellegrino, che insieme hanno tenuto una conferenza stampa per spiegare dettagliatamente come si sono evolute le indagini.

Acqua sporca a Lampedusa: la ricostruzione della vicenda

L’acqua inquinata che c’è in questo momento a Lampedusa dipende tutta dal malfunzionamento di un depuratore d’acqua che è stato realizzato alla fine degli anni ’90. Il problema principale è che questo impianto è progettato per servire 5mila persone, che sono gli abitanti della cittadina siciliana, ma attualmente la popolazione è di circa 6mila persone, e in estate la situazione diventa decisamente più gravosa: si può arrivare infatti fino a 20mila presenze, visto l’enorme afflusso turistico su Lampedusa e tutte le persone che arrivano o transitano per la questione migratoria, per la quale – come noto – Lampedusa è uno snodo cruciale.

Il malfunzionamento del depuratore ha portato ad avere acqua sporca. Ora le indagini sono tese ad individuare eventuali responsabili e a far sì che possano eventualmente rispondere delle loro colpe.