CONDIVIDI
quando andare in vietnam
Vietnam (iStock)

Quando andare in Vietnam: meteo, periodo migliore, dove andare. I suggerimenti sul periodo migliore per visitare il Paese del Sud-est asiatico.

Da qualche anno a questa parte, il Vietnam è una meta di viaggio molto ambita. Archiviato un passato doloroso di guerre, il Vietnam è oggi un Paese in via di sviluppo che sta crescendi bene e soprattutto una destinazione turistica che ha tantissimo da offrire, grazie soprattutto alla sua natura spettacolare e ad una cultura antichissima.

VIDEO NEWSLETTER

Vi abbiamo già proposto una guida del Vietnam, qui vogliamo darvi qualche dettaglio in più sul periodo migliore per visitare il Paese e le sue meraviglie. Quando andare in Vietnam? Qual è il periodo migliore dal punto di vista del clima e delle stagioni? Qui trovate i migliori suggerimenti.

Quando andare in Vietnam: meteo, clima e periodo migliore

Il Vietnam è un Paese dalla formazione con particolare, che si allunga sulla penisola indocinese. Per queste sue caratteristiche ha un clima molto differente da Nord a Sud, che ne consiglia la visita in periodi diversi dell’anno.

Il clima è di prevalentemente tropicale al Centro-sud e sub-tropicale al Nord e molto umido. Il Paese, infatti, si trova nell’area monsonica del Sud-est asiatico ed è esposto a due monsoni: il monsone di Sud-ovest da maggio a ottobre e a quello di Nord-Est da ottobre ad aprile. Il primo porta piogge abbondanti nelle zone al Nord e al Sud, mentre lungo la fascia centrale, esposta direttamente ad est, il monsone porta piogge scarse. Il monsone di Nord-est è più secco, ma porta piogge abbondanti lungo la costa esposta ad est da ottobre a dicembre, e piogge leggere ma frequenti al nord.

Le precipitazioni sono comprese tra i 1.500 e i 2.500 millimetri all’anno, mentre vi è una zona arida dalle parti di Phan Thiet, sulla costa meridionale, dove si superano di poco i 1.000 millimetri all’anno di pioggia.

Nelle zone interne del Vietnam le alture rendono il clima più mite in estate e freddo al Nord.

quando andare in vietnam
Risaie a terrazza di Mu Cang Chai, Vietnam (iStock)

Il Nord è la sola parte del Vietnam in cui esiste l’inverno, che comunque dura pochi giorni all’anno, intorno al periodo di Natale, con temperature minime non troppo rigide, che non scendono mai sotto i 10° centigradi. Nelle zone più settentrionali del Tonchino, la temperatura può scendere vicina allo zero tra dicembre e febbraio, a volte a inizio marzo. Il periodo ideale per visitare questa parte del Vietnam, dove si trovano la capitale Hanoi e la città di Haiphong, va da marzo a maggio, oppure da ottobre a novembre, quando è finita la stagione delle piogge, che dura da metà maggio a settembre, e non è ancora freddo. Durante l’inverno ad Hanoi le piogge sono leggere ma frequenti e anche se le temperature non sono rigide, il clima in genere non è piacevole. Il mese perfetto per visitare il nord del Vietnam è aprile.

Il Centro del Vietnam è la parte più lunga del Paese, da Nord a Sud, e si affaccia sulla costa, con la città di Da Nang. È la zona più piovosa, anche con il clima vario, e quella dove inizia a fare più caldo, con temperature medie in inverno intorno ai 20° e oltre. Qui la stagione delle piogge arriva più tardi, a settembre, e finisce a dicembre, nonostante il periodo limitato tuttavia le piogge sono torrenziali in autunno.Le piogge molto intense a fine anno sono dovute al monsone di ritorno, che colpisce soprattutto la costa esposta a Nord-est. Le precipitazioni più intense si concentrano a nord di Da Nang, fino a Ha Tinh. In estate, invece, piove poco nella parte centrale del Paese. Il periodo ideale per visitare il Centro del Vietnam è la primavera: da febbraio a marzo nella parte settentrionale e da gennaio a marzo in quella meridionale. Aprile è un mese secco, ma comincia a fare caldo, anche se lungo le coste le temperature sono sopportabili grazie alle brezze. Da maggio ad agosto l’aria è calda e umida, ma le piogge non sono abbondanti e spesso c’è il sole.

Comunque le zone centrali e settentrionali del Vietnam sono occasionalmente colpite dai tifoni tra giugno e novembre.

Al Sud e nelle isole meridionali (Con Dao, Phu Quoc)  il clima è calco tutto l’anno, con la stagione delle piogge che coincide con il periodo estivo, con il passaggio del monsone che porta l’afa. Le temperature sono comprese tra i 30 e i 32° da novembre a metà febbraio, poi aumentano fino a 33 e 35° tra marzo e maggio. Il mare è caldo tutto l’anno. Il periodo migliore per visitare il sud del Vietnam, con le sue bellissime spiagge, Ho Chi Minh e il Delta del Mekong è quello tra dicembre e febbraio, quando il caldo non è soffocante.

quando andare in vietnam
Spiaggia di Mui Ne, Phan Thiet, Vietnam (alxpin, iStock)

In generale, il periodo ideale per visitare il Vietnam è la prima metà di febbraio un po’ in tutto il Paese. Si tratta, infatti, dell’unico periodo in cui nin piove troppo e non fa troppo caldo, nonostante al nord sia nuvoloso e con temperature più fresche.

Vietnam, dove andare

Il Vietnam ha una vasta offerta di luoghi da visitare. Le città come Hanoi, con i suoi edifici storici, i templi e le pagode, Ho Chi Minh, la vecchia Saigon, più moderna e centro commerciale del Paese, Hué, l’antica capitale del Vietnam, dove si trovano i resti della città imperiale, con il Palazzo e i mausolei.

Poi bellezze naturalistiche, come le meravigliose cascate Pongua, uno dei luoghi più emozionanti del mondo, la Baia di Ha long, non lontano da Hanoi, che con oltre 300 isole e isolette è Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. Infine da non perdere è la crociera sul Delta del Mekong, alla scoperta di un paesaggio straordinario.

Bellissime anche le spiagge, dalla costa centrale a quella meridionale del Vietnam. Segnaliamo: Cua Dai, a 5 km da Hoi An, con una sabbia bianca e soffice, atrezzata per gli sport acquatici e con ottimi ristorantini di pesce; Tran Phu bellissima spiaggia di Nha Trang nel sud-est del Paese; la baia di Mui Ne a Phan Thiet, che con le sue dune di sabbia rossa è una delle spiagge più belle del Vietnam, e tutta la zona offre le spiagge più belle.

A cura di Valeria Bellagamba