CONDIVIDI

Previsioni meteo arriva colpo di coda dell’inverno da lunedì 19 marzo. Scendono le temperature e maltempo

previsioni meteo marzo

Gli allarmisti del meteo avevano parlato di un ritorno del famigerato Burian dipingendo scenari apocalittici con perfino un ritorno della neve in pianura. Un’ipotesi più volte smentita e noi di Viagginews.com abbiamo intervistato in tal merito uno dei meteorologi più celebri del nostro Paese, il colonnello Mario Giuliacci, che ci ha rivelato “che ci sarà un abbassamento termico intorno al 20 marzo, ma non sarà assolutamente nulla di memorabile”. D’altronde a Marzo una variabilità termica è tutt’altro che rara “Marzo è il mese con la più alta variabilità – ha proseguito il Colonnello – giornate più tiepide si alternano a giornate più rigide”.

Questo colpo di coda dell’inverno arriverà proprio in prossimità dell’entrata della Primavera. Se questo weekend del 17 e 18 marzo sarà tormentato dalle piogge, dalla prossima settimana sarà il freddo ad essere il protagonista.

Crollo delle temperature: cosa ci aspetta e per quanto

Già da domenica sera l’aria gelida presente sull’Europa Centrale e Settentrionale si sposterà riuscendo ad entrare in Italia dalla Porta di Bora. A farne maggiormente le spese saranno le regioni del Nord Italia che vedranno la colonnina di mercurio scendere sensibilmente. Ma nel giro di qualche giorno anche il Centro ed il Sud saranno investiti dall’aria fredda che potrebbe portare nevicate negli Appennini a basse quote.

Nonostante il calo termico sia corposo, con valori che scenderanno al di sotto della media del periodo, non sarà  però certo un Burian 2. Avremo un abbassamento di circa 6 gradi con punte fino a 12 gradi di meno! Al Nord le minime notturne arriveranno intorno allo zero, mentre le massime saranno intorno ai 10 gradi. Al Centro minime intorno ai 5 gradi e massime superiori ai 10 gradi. Al Sud si va dal gelo di Campobasso in cui minima e massima saranno prossime allo zero a Palermo in cui la minima sarà di circa 10 gradi e la massima di 15 gradi.

L’ondata di gelo dovrebbe durare circa una settimana con ampi spazi di maltempo per via di una corrente atlantica che porterà piogge soprattutto al Sud. Il tempo superato il picco del freddo si manterrà comunque ancora variabile con circoli depressionari e basse pressioni in agguato. Motivo per il quale le previsioni per Pasqua e Pasquetta non sono delle migliori.

Leggi anche: Meteo Pasqua e Pasquetta che tempo farà