CONDIVIDI
Musei Vaticani (Jesús Moreno – Oliver-Bonjoch, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

L’Italia possiede alcuni dei musei più importanti del mondo. Dai Musei Vaticani di Roma agli Uffizi di Firenze alla Pinacoteca di Brera di Milano al Museo Egizio di Torino solo per citarne alcuni che tutto il mondo ci invidia. Spesso però entrare al museo può essere un salasso, economicamente parlando, ma sono tanti le iniziative attive che permettono di visitare gratuitamente un museo.

D’altronde che il patrimonio artistico del nostro Paese sia immenso è un fatto universalmente riconosciuto ed è ugualmente vero che negli ultimi tempi le mostre d’arte 2018

in Italia registrano un boom di visitatori. Sono dati positivi, che testimoniano un crescente interesse sia da parte dei turisti stranieri, che in generale da parte del pubblico di ogni età. Questo interesse per la cultura, che deve essere di tutti, ha spinto gli amministratori a rendere più fruibili i musei.

E’ importante sapere infatti che da Nord a Sud della Penisola sono tanti i musei che è possibile visitare gratis. Molti sono inseriti nell’iniziativa ministeriale della Domenica al Museo, che permette l’accesso gratuito ai musei la prima domenica di ogni mese. Ma alcuni possono essere visitati gratis in qualsiasi momento dell’anno. Questa breve guida vi aiuterà a scegliere quali visitare assolutamente.

Musei gratis in Italia: domenica al Museo

L’iniziativa del Mibac, il Ministero per i beni e le attività culturali, è ormai attiva dal 2014 e raccoglie molti consensi. La prima domenica di ogni mese oltre 450 luoghi fra siti archeologici, monumenti e musei sono aperti gratuitamente per tutti i cittadini e turisti. #Domenicalmuseo coinvolge tutte le città d’Italia e tutti i beni statali che la prima domenica di ogni mese spalancano le loro porte. Qui puoi conoscere l’elenco di tutti i musei e monumenti aderenti.

Musei gratis in Italia: cosa visitare a Milano

(Vittorio Zunino Celotto/Getty Images)

Cominciamo il nostro viaggio partendo da Milano, dove assolutamente imperdibile è senza dubbio l’Hangar Bicocca. Dobbiamo la nascita di questo edificio alla Breda, società fondata nel 1886 dall’Ingegner Ernesto Breda. L’attività nel quartiere Bicocca inizia nel 1903. Dopo Breda, aprono Pirelli, Falck e Marelli, facendo dell’area uno degli insediamenti industriali più importanti d’Italia. La riqualificazione della zona inizia a metà anni Ottanta e nel 2004 si completa la trasformazione in spazio espositivo per l’arte contemporanea. L’Hangar Bicocca è aperto da giovedì a domenica dalle 10 alle 22, con differenze di orario a seconda delle mostre che si intendono visitare. Tra le mostre visitabili in questo momento, particolarmente interessante è quella dedicata al mondo onirico dell’artista ceca Eva Kot’átková. Sempre nel capoluogo meneghino, è possibile visitare gratis le Gallerie d’Italia, site in Piazza della Scala, 6. Poi ancora il Museo del Risorgimento e Musei del Castello Sforzesco e Pietà Rondanini di Michelangelo o la Galleria d’Arte Moderna, che sono visitabili gratis ma soltanto in determinati orari.

Musei gratis in Italia: cosa visitare a Roma

(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Tanti sono i musei visitabili gratuitamente nella Capitale, a partire dal Museo Napoleonico ospitato all’interno di Palazzo Primoli. Fu il conte Giuseppe Primoli, nel 1927, a donare alla Città di Roma la sua importante collezione di opere d’arte, cimeli napoleonici, memorie familiari, racchiusa nelle sale del pianterreno del suo palazzo. Si tratta di opere che testimoniano il forte legame tra i Bonaparte e la Capitale. Sempre a Roma, potrete visitare gratuitamente la casa studio di Luigi Pirandello e il Museo della Liberazione. Quest’ultimo, in particolare, fu istituito con la legge 14 aprile 1957 n. 277 che riconosceva ad esso la personalità giuridica di ente pubblico. Sotto la presidenza di Paolo Emilio Taviani, uno dei capi della vittoriosa Resistenza di Genova, più volte ministro, conobbe una fase di crescita e oggi conta su circa 15mila visitatori all’anno. A Roma sono completamente gratuiti anche la Galleria Nazionale San Luca, il Museo Boncompagni Ludovisi o il Museo Mario Praz. Sono inoltre visitabili la prima domenica del mese molti importanti edifici storici, a partire ovviamente dal Colosseo.

Musei gratis in Italia: quando visitare i Musei Vaticani

(Eric Vandeville/Vatican Pool/Getty Images)

Sempre a Roma è possibile visitare gratis, a determinati orari, i Musei Vaticani. Questo avviene ogni ultima domenica del mese. L’orario d’apertura è dalle 9 alle 14 e l’ultimo ingresso è consentito fino alle 12:30. Soltanto nel caso in cui la domenica coincida con una festività, l’ingresso sarà a pagamento. Inutile dire che i Musei Vaticani sono sempre affollatissimi di turisti provenienti da ogni parte del mondo, ma un po’ di pazienza e di attesa verranno poi ripagati da opere di inestimabile valore, come le stanze di Raffaello, la scala elicoidale di Giuseppe Momo, la Pinacoteca o la Cappella Sistina.

Musei gratis in Italia: da Torino a Napoli

(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

In tutta Italia, come dicevamo, è lunga la lista dei musei che aderiscono all’iniziativa ministeriale Domenica al Museo. Per citarne due su tutti, è possibile visitare gratis una volta al mese la Reggia di Caserta piuttosto che la Galleria degli Uffizi, a Firenze. Anche in questi casi, qualche ora di attesa verrà ripagata nel migliore dei modi. Diversi musei, però, sono gratuiti in determinati giorni della settimana: a Torino, ad esempio, si può visitare a costo zero la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea ogni primo martedì del mese, mentre il Museo della Frutta è ad accesso libero ogni mercoledì. A Napoli, il PAN è sempre a ingresso gratuito, mentre il Museo Madre è gratis ogni lunedì. In conclusione, un suggerimento utile è quello di visitare il sito del Ministero: qui potete trovare l’elenco di tutti i musei, le aree archeologiche e i parchi statali aperti gratuitamente ogni prima domenica del mese.

A cura di Gabriele Mastroleo