CONDIVIDI
affitti a londra
Londra, il London eye e Westminster (iStock)

Chi ha vissuto a Londra almeno per un periodo sa quanto siano care le case in affitto, peggio ch care: proibitive. I prezzi sono elevatissimi, inaccessibili ai più e chi ci abita è costretto a prendere in affitto un minuscolo monolocale a parecchi chilometri dal centro, eppure paga come se avesse affittato un appartamento nel cuore di una metropoli. Il costo degli alloggi è un problema non solo per chi arriva a Londra dall’estero, in cerca di fortuna o di un lavoro, ma anche per gli stessi londinesi. Ora però una ragazza ha risolto il problema della casa del caro affitti a Londra in un modo geniale. Presto potrebbe avere degli imitatori.

Caro affitti a Londra: una ragazza trova la soluzine

Una ragazza australiana che vive a Londra, Louise Burke, ha risposto in modo suo alla crisi degli alloggi nella capitale britannica, con le enormi difficoltà di trovare un appartamento che non costi una fortuna. Gli affitti a Londra sono carissimi, inaccessibili ai più. Perfino una giovane brillante come Loiuse, che lavora come news editor al Telegraph, uno dei più importanti quotidiani britannici, ha dovuto fare i conti con il caro affitti londinese. Con prezzi talmente alti che non consentono di andare a vivere sa soli. Si condivide la casa come ai tempi dell’università. Quando si diventa adulti, però, vivere come in “Friends” diventa pesante. Arriva il momento in cui si vuole andare a vivere da soli.

Louise così si era messa alla ricerca di una casa in uno di quei sobborghi attorno alla capitale britannica dove abitano i pendolari (i commuter suburbs). Abbastanza lontano dal centro di Londra da avere prezzi abbordabili, ma abbastanza vicino da poter raggiungere il centro della città in tempi ragionevoli, intorno all’ora di viaggio in treno.

La giovane si stava rassegnando, quando improvvisamente le è venuta un’idea geniale, ispirata da una graziosa fila di imbarcazioni su un canale: vivere su una barca. Un’idea geniale.

Louise si è comprata una barchetta e l’ha fatta diventare la sua casa. La barca è ormeggiata in un canale, ma non sta ferma, la ragazza la usa per spostarsi. Una casa galleggiante. Una scelta che non è per niente facile e ha i suoi pro ma anche molti contro. Scegliere la barca giusta e mantenerla in buone condizioni è un lavoro impegnativo e anche costoso. Se non si presta la dovuta attenzione, si rischia di affondare o causare danni irreparabili alla casa galleggiante. Tuttavia, Louise Burke è una che ce l’ha fatta e il sui sogno è stato realizzato, oggi è lei stessa a raccontarlo sul Telegraph.

La giovane vive da un anno in barca e la sua storia, citata dai giornali, sta diventando virale.

Louise Burke ha pubblicato sul suo profilo Twitter gli articoli e le foto usciti sulla sua idea geniale di vivere a Londra su una barca.

A cura di Valeria Bellagamba