CONDIVIDI

Siamo a gennaio, ma il termometro segna temperature poco in linea con il periodo. L’Alta Pressione presente sull’Europa Centrale e del Mediterraneo regala tempo soleggiato e stabile ed il freddo si manifesta solo nelle zone più settentrionali del Continente. Nei prossimi giorni le temperature aumenteranno ulteriormente nonostante l’arrivo di una perturbazione che porterà piogge in diverse regioni. Il caldo però non è destinato a restare a lungo. Ad inizio febbraio l’Alta Pressione cederà ed il freddo riuscirà a penetrare in Italia. Ma fino ad allora avremo un gennaio sui generis.

La curiosità è che questa ondata di caldo arriverà proprio con i giorni della Merla, ossia il 29, 30 e 31 gennaio. Questi ultimi tre giorni di gennaio tradizione vuole che siano i più freddi dell’anno, ma in realtà ciò non avviene ormai da molti anni. Certo è che comunque non sono nemmeno mai stati i più caldi dell’inverno, cosa che forse accadrà proprio quest’anno.

Perché si chiamano giorni della Merla?

I giorni della Merla sono così chiamati per via di una leggenda tramandata nella tradizione popolare che racconta di una merla che per il grande freddo si nascose dentro un comignolo pieno di fuliggine e ne uscì solo dopo tre giorni tutta grigia. Da qui la “spiegazione” del perché il colore del merlo femmina è grigio e quello del maschio nero.

Giorni della Merla: sarà caldo record

Come detto i giorni della merla non saranno freddi quest’anno, ma addirittura saranno particolarmente caldi. L’Anticiclone delle Azzorre si rafforzerà proprio nei giorni di fine gennaio e le temperature verranno ulteriormente alimentate dai venti caldi meridionali raggiungendo valori, nelle ore diurne, addirittura primaverili.

Le massime si aggireranno al Centro e al Sud fra i 16/17 gradi, intorno ai 13/13 gradi al Nord. Le minime notturne saranno invece un po’ più rigide, soprattutto al Nord, sulla Pianura Padana e sulle valli del Centro.

Questa situazione evolverà a febbraio e lì avremo un netto cambiamento del tempo quando finalmente arriverà l’inverno con freddo, gelo e precipitazioni. Gennaio si chiuderà quindi con temperature al di sopra della norma e con scarse precipitazioni, ma fortunatamente – e c’è d’augurarselo – febbraio risistemerà tutto.