Home Mete Top La meta di vacanze più desiderata nel mondo

La meta di vacanze più desiderata nel mondo

CONDIVIDI
meta di vacanze
Lago di Como, Varenna (iStock)

In una indagine sulla meta di vacanze più desiderata al mondo, la risposta è stata netta: il 37% della popolazione mondiale sceglie l’Italia. Il nostro Paese, che noi tendiamo spesso a sottovalutare, è desiderato da milioni di persone in tutto il mondo.

Italia: meta di vacanze più sognata al mondo

Alla domanda “se vincesse una vacanza premio all’estero, dove vorrebbe andare?” il 37% della popolazione mondiale risponde “In Italia” (41% tra i ceti elevati), mentre il 32% gli Stati Uniti e il 31% l’Australia. Questi sono i risultati che emergono dall’indagine “Be-Italy” commissionata da ENIT Agenzia Nazionale del Turismo all’istituto di ricerca IPSOS. L’idagine ha indagato la percezione e l’immagine dell’Italia in 18 Paesi stranieri con un sondaggio di 500 interviste online per Paese, di cui 200 a ceti elevati. In base all’indagine, il nostro paese è il terzo più conosciuto al mondo, dal 45% del totale della popolazione mondiale, dopo Stati Uniti, dal 49%, e Regno Unito 47% della popolazione.

I ceti elevati sono quelli che conoscono di più dell’Italia (65% della popolazione). I Paesi in cui l’Italia è più conosciuta sono: Germania, il 21%, la Francia, 18%, il Regno Unito al 16%,  gli Usa, il 16%, e l’India (15%).

L’Italia è anche il primo Paese al mondo ad essere associato a qualità della vita, creatività e inventiva, davanti a Canada, Australia, Cina e Stati Uniti.

Il 23% del totale intervistati conosce l’Italia come Paese della buona cucina, il 16% come quello dei monumenti e della moda, il 15% della pittura e scultura, il 7% del design, il 5% della musica e del teatro. Mentre solo il 3% associa all’Italia allo sport. Il 29% della popolazione mondiale afferma di avere pianificato un viaggio in Italia entro cinque  anni. Percentuale che sale al per le 45% fasce di reddito alto.

La principale attrattiva dell’Italia sono le grandi città storiche, ma è in crescita anche il turismo diffuso e sostenibile, quello dei borghi e delle campagne, degli itinerari enogastronomici e dei dei percorsi meno battuti. Mete queste ultime sulle quali punta l’Enit per ridurre il turismo di massa nelle città sovraffollate.

Le città

cosa vedere a Roma
Roma al tramonto (iStock)

Tra le città italiane più desiderate dai viaggiatori stranieri come meta di vacanza in Italia ci sono: Roma, al 77%, Venezia, al 59%, e Milano, al 48%. Quest’ultima grazie all’Expo del 2015 ha avuto una grande ribalta internazionale ed è citata in particolare da giapponesi, cinesi e brasiliani. Sotto al podio troviamo: Firenze, al 35%, Napoli, al 23%, Torino, all’8%, e Verona, al 7%.

Le regioni

cosa vedere in sicilia
Isola Bella, Taormina (Thinkstock)

Le regioni italiane più conosciute all’estero sono: la Sicilia, al 54%, la Toscana, al 50%, la Sardegna, al 37%, la Lombardia, al 22%, il Veneto, al 20%, la Calabria, il Lazio, il Piemonte, tutte al 18%, l’Umbria, al 14%, l’Abruzzo, al 10%, Campania, Emilia Romagna, Liguria e Puglia, al 10%, il Trentino Alto Adige, al 9%, la Valle d’Aosta, 8%, il Friuli Venezia Giulia, 7%, la Basilicata, al 6%, le Marche, al 4%, chiude il Molise al 3%.

Le attrazioni

Pisa (iStock)

Tra le attrazioni e i monumenti italiani più conosciuti in tutto il mondo, svetta al primo posto, e non poteva essere diversamente,la Torre di Pisa, conosciuta dal 57% degli intervistati, segue il Colosseo, conosciuto dal 56%, la Basilica di San Pietro, dal 54%. Sotto al podio troviamo: gli Scavi di Pompei (46%), il Cenacolo di Leonardo (39%), Piazza San Marco (39%), il Vesuvio (38%), le Alpi (34%), l’Etna (34%), il Duomo di Milano (33%).

La cultura

Musei Vaticani (Jesús Moreno – Oliver-Bonjoch, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Tra i musei, le istituzioni artistico culturali e gli eventi culturali, tra quelli più conosciuti nel mondo spiccano al primo posto i Musei Vaticani , conosciuti al 54% della popolazione mondiale. Seguono: il Festival del Cinema di Venezia, conosciuto dal 49%, il Carnevale di Venezia, da 42%, La Scala di Milano, dal 35%, il Festival di Sanremo (20%), la Biennale di Venezia (19%), gli Uffizi di Firenze (19%), La Fenice a Venezia (13%), il Piccolo Teatro a Milano (11%), l’Orchestra di S. Cecilia di Roma (6%).

Oltre all’arte e alla cultura, l’Italia è sempre di più una meta di vacanze attrattiva per la moda, lo shopping, il lusso e alle esperienze sul territorio (agriturismo, escursioni, cammini, percorsi gastronomici, ecc.).

I visitatori

Il David di Michelangelo, Galleria dell’Accademia (Korido, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

Tra gli intervistati, l’11% del totale ha visitato l’Italia 3 volte o anche di più, con una percentuale che sale al 26% tra i ceti elevati. La maggioranza dei visitatori stranieri viene dall’Europa, con il numero più elevato che viene dalla Germania: un terzo dei tedeschi è stato in Italia più volte.

L’indagine emerge poi che il giudizio sul nostro Paese è “molto positivo” per il 29% degli intervistati, che sale al 42% per i ceti elevati. Il giudizio è simile a quello dato a Germania, Regno Unito e Francia.