CONDIVIDI
Natale a Colmar, Alsazia, Francia (iStock)

Volete vivere il Natale in un posto magico che vi trasporti in un’altra dimensione spazio-temporale lontano da tutto e da tutti, facendovi vivere come in una favola? Beh, allora dovete programmare subito un viaggio per l’Alsazia, la pittoresca regione francese al confine con la Germania vi regalerà un’esperienza straordinaria.

Natale 2017 in Alsazia

Per le vostre vacanze di Natale da vivere come in una favola vi consigliamo un viaggio nella meravigliosa Alsazia. La storica regione ha per capoluogo Strasburgo ed è situata al confine con la Germania, lungo la valle del Reno, per secoli contesa tra francesi e tedeschi. L’Alsazia offre paesaggi di dolci colline con vigneti, borghi medievali che sembrano usciti da una fiaba e tradizioni antiche. Luoghi magici nel periodo natalizio, con le luminarie e gli alberi di Natale che fanno risplendere i centri storici, mentre fiere e mercatini rendono vivace e gioiosa l’atmosfera.

Le celebrazioni per il Natale in Alsazia hanno inizio il 25 novembre, giorno di Santa Caterina d’Alessandria, e durano fino al 6 gennaio, giorno dell’Epifania. Più di un mese dedicato a cerimonie religiose, feste, mercatini, giochi di luce, concerti, eventi culturali, spettacoli per grandi e bambini, tutto in una cornice suggestiva.

Nelle città dell’Alsazia troverete tutto quello che avete sempre sognato per Natale in un’atmosfera davvero unica. Ogni centro storico ha le sue caratteristiche che ne fanno una meta imperdibile e ha una sua peculiare offerta, dai mercatini all’albero di Natale, in un itinerario tutto da percorrere tra tradizioni e gastronomia.

Mercatino di Natale di Strasburgo (iStock)

Lo storico mercatino natalizio di Strasburgo, uno dei più antichi e belli d’Europa, la magia di Sélestat, la città dove è nato l’albero di Natale con tanto di data certificata il 21 dicembre 1521. Il mercatino e le luminarie che si riflettono sull’acqua a Colmar, le caratteristiche stoffe di Mulhouse, poi i paesini incantevoli di Riquewihr e Kaysersberg. che sembrano usciti da una favola, non a caso il primo ha ispirato i disegnatori della Disney per il villaggio della Bella e la Bestia. Tutto il territorio, poi, è disseminato di paesini caratteristici assolutamente da visitare.

Ecco l’itinerario imperdibile tra i centri dell’Alsazia

Strasburgo e i mercatini natalizi

Dal 1570 si tiene a Strasburgo il Christkindelsmärik, il mercatino di Natale, uno dei più antichi e belli d’Europa. Si svolge intorno alla Cattedrale gotica, a Place de la Cathédrale, Rue de la Comédie e nelle vie limitrofe propone una vasta scelta di oggetti di artigianato alsaziano e francese, decorazioni natalizie, giocattoli e specialità gastronomiche locali, dolciumi delle feste, vino caldo. Numerosi gli eventi e le manifestazioni concomitanti, con spettacoli e giochi di luce. Nel centro di Strasburgo sono allestiti più mercatini, con bancarelle e casette sparse. Il periodo va dal 24 novembre al 24 dicembre 2017. Non solo mercatini, a Strasburgo avete una grande offerta di shopping per negozi, le vetrine, decorate e illuminate, vi proporranno prodotti locali e tradizioni gastronomiche della regione.

Chiamata anche la Petite Venise, per il suo pittoresco borgo medievale sull’acqua, Colmar con le sue case a graticcio e i tetti spioventi sembra uno di quei posti che sembrano usciti dalle favole. A Natale, con le luminarie e i mercatini il suo centro storico diventa un luogo magico. Le bancarelle si snodano per le vie e le piazze, proponendo idee regalo, oggetti di artigianato, giocattoli e specialità gastronomiche, tra spettacoli, giochi di luce, animazioni per bamibini, concerti e letture. Dal 24 novembre al 31 dicembre 2017.

Kaysersberg si trova sopra Colmar ed è un caratteristico borgo medievale del Parco Naturale Ballons des Voges. Il paese, che sembra uscito da una fiaba, è costruito attorno al vecchio castello, con casette a graticcio e vicoli caratteristici. Nel mercatino natalizio di Kayesrberg gli artigiani locali propongono realizzazioni pregiate di oggetti e giocattoli in legno, vasi di terracotta, composizioni floreali e oggetti in vetro soffiato. Tra le specialità gastronomiche segnaliamo i “Bredele”, piccoli dolci natalizi. Periodo: dal 24 novembre al 23 dicembre 2017.

Mercatino di Natale a Riquewihr (di 0x010C – Own work, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

Infine, il mercatino da visitare in Alsazia è quello di Riquewihr, altro splendido e fiabesco borgo medievale. Qui viene allestito il mercatino natalizio attorno alle torre del Dolder, simbolo del paese. Nella casette in legno vengono proposti tanti oggetti di artigianato, idee regalo originali, candele, decorazioni tradizionali, giocattoli e una grandissima offerta di prodotti gastronomici locali, con una vaste scelta di dolciumi e l’immancabile vino caldo (vin chaud). Periodo: dal 25 novembre al 25 dicembre 2017.

Stoffe e canti di Natale a Mulhouse

Nel sud dell’Alsazia, nella città di Mulhouse troviamo il Paese delle Stoffe. Non a caso la città era chiamata la Manchester francese per le sue industrie tessili, risalenti al 1746. Qui venivano prodotti tessuti con i motivi tipici dell’Estremo Oriente lavorando la tela indiana. Oggi le stoffe sono prodotti artigianali che si vendono sui banconi dei mercatini, oltre che sulle facciate della cattedrale di Mulhouse e al Musée de l’Impression sur Etoffes. Mulhouse, tuttavia, non è solo il Paese delle Stoffe, ma anche quello dei Canti, con corali, gruppi vocali e strumentali, cori dell’Avvento e tanti concerti che allietano l’atmosfera in città, all’insegna della tradizione locale. Da visitare anche i vicini centri e le zone di  Thann, Saint-Louis, Altkirch,  Sundgau e Ensisheim.

Sélestat a Natale (Facebook, Sélestat Haut-Koenigsbourg Tourisme

Il paese dell’Albero di Natale e i dintorni

Come vi abbiamo detto, il grazioso paese di Sélestat, situato sopra Colmar e a sud di Strasburgo, è il paese dove è nato l’Albero di Natale moderno. La prova è in un manoscritto del 21 dicembre 1521 che contiene la prima testimonianza scritta in cui viene menzionato espressamente l’albero di Natale. Si tratta di una sorta di ricevuta che riporta l’indicazione di un compenso di quattro scellini alle guardie forestali affinché sorveglino il taglio degli abeti nella foresta comunale, a partire dal giorno di San Tommaso, che anticamente era il 21 dicembre, giorno del solstizio d’inverno. Le autorità di Sélestat, infatti, avevano autorizzato gli abitanti a tagliare gratuitamente solo gli abeti più piccoli della vicina foresta, per poi portarli a casa decorarli, “come si fa da tempi immemorabili”, si legge del documento. Il manoscritto è conservato nella Bibliothèque Humaniste di Sélestat insieme a importanti manoscritti in latino.

Il Paese degli Alberi di Natale si trova nel cuore dell’Alsazia, in prossimità di importanti località turistiche. Sempreverde, l’abete merita il soprannome di « re delle foreste ». La storia del suo uso come elemento di decorazione risale al XVI secolo. A Sélestat, la Bibliothèque Humaniste conserva d’altra parte la prima menzione scritta di vendita di abeti di Natale, nel 1521. Da allora, l’abete illumina tutto il periodo di Natale, accogliendo attorno a sé delle tradizioni sempre vive. Da visitare anche le vicine cittadine di Erstein, Obernai, Rosheim, Grendelbruche, Barr e Molsheim.

Luci di Natale di Saverne

A Nord Ovest di Strasburgo, nel Parco Naturale Regionale de Vosgi del Nord, è da visitare Saverne, il paese delle Luci. Dalla fine del mese di novembre, il paese, insieme alle altre città e ai villaggi della zona si illuminano di mille luci. Da vedere anche i paesi di Wingen-sur-Moder, con le sue storiche vetrerie, Wangenbourg-Engenthal, con le finestre illuminate, Wasselonne, Marmoutier, Ingwiller, La Petite Pierre e Bouxwiller.

Vi ricordiamo il nostro articolo sui Mercatini di Natale più belli di Francia.

Natale a Colmar