CONDIVIDI
@GettyImages

Se ottobre ci aveva regalato bellissime giornate di sole e temperature miti, novembre ci ha fatto piombare velocemente nel pieno dell’autunno. Instabilità diffusa e protratta, piogge intense, neve sui rilievi e temperature che scendono a picco.

L’Alta Pressione che finora aveva protetto l’Italia dal maltempo garantendogli un clima fin troppo asciutto (tanto che ad ottobre si è acuito il problema della siccità) è stata spazzata via da alcune Basse Pressioni e da delle Perturbazioni Atlantiche. Senza lo scudo dell’Alta Pressione le correnti di origine atlantica o nord europea hanno quindi facile accesso al Mediterraneo.

Questa fase di instabilità durerà ancora fino a metà del mese. Intorno a quella data dovrebbe riaffacciarsi l’Alta Pressione riuscendo a garantirci un po’ di stabilità. Fino ad allora ce la dovremmo vedere quindi con temporali improvvisi, cielo nuvoloso, nubifragi e neve abbondante sui rilievi.

Nei prossimi giorni è prevista una nuova Bassa Pressione che si scatenerà violentemente sull’Italia. Da giovedì il Nord Est, il Centro ed il Sud saranno investiti da nubifragi con rischio di alluvioni. Una situazione di allerta che si protrarrà per buona parte del prossimo weekend.

Scendono le temperature: freddo in arrivo

Oltre alla pioggia e all’instabilità l’altra caratteristica di questo periodo saranno le temperature molto basse.Se ottobre è stato fin troppo generoso dal punto di vista termico, novembre sarà al contrario piuttosto avaro.

Le temperature crolleranno raggiungendo valori tipicamente invernali da venerdì 10 a causa di gelidi venti settentrionali che irromperanno sul nostro Paese. A farne soprattutto le spese saranno le regioni del Nord dove la minima sarà di poco superiore allo zero.

Da venerdì Milano passerà da una minima di 8 gradi di questi giorni ad una minima di 3. Bolzano scenderà da 5 a 0, Torino da 7 a 3, Venezia da 11 gradi a 6. E le massime al Nord saranno intorno agli 11/12 gradi. I venti gelidi interesseranno anche il Centro: Roma passerà da 10 a 5 gradi, così come Firenze che passerà dagli 11 ai 5 gradi. Andrà meglio al Sud dove le minime si manterranno superiori ai 13 gradi e le massime intorno ai 16/18 gradi.

Le temperature inizieranno a scendere gradualmente già da domani, ma sarà da venerdì che subiranno la sferzata verso il basso. Inoltre soffieranno venti gelidi che renderanno ancora più fredda la temperatura percepita. Il prossimo weekend sarà quindi freddissimo al Nord e al Centro. Dalla settimana successiva ci sarà un leggero recupero termico per via dei venti nord europei che cesseranno di soffiare sull’Italia.