CONDIVIDI
Polizia (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

È di poche ore fa la notizia che a Monaco un uomo, armato di coltello, ha attaccato diversi passanti nel cuore della città. Un gesto folle che non è ancora stato rivendicato nè spiegato e torna quindi prepotentemente l’allarme per terrorismo.

Ma cosa è successo di preciso? Questa mattina un uomo a bordo di una bicicletta nera, nel cuore della città di Monaco, per la precisione nella zona di Rosenheimer Platz, ha iniziato ad attaccare con un coltello i passanti in cinque diverse aree della piazza. Diversi i feriti, ma per ora il bilancio non conta nessun morto. La Polizia, giunta immediatamente sul posto, ha cercato di fermare l’uomo, facendo scattare quindi una vera e propria caccia all’uomo.

Fermato un sospetto, l’identikit dell’attentatore

Secondo quanto riporta Bild Online un sospetto sarebbe stato fermato dalla Polizia, ma tutto è rimasto abbastanza “silenzioso” fino a quando il fermo non è stato poi confermato dal comando speciale della polizia di Monaco in conferenza stampa. Le forze dell’ordine però non hanno divulgato le generalità dell’uomo, almeno in un primo momento, e non hanno confermato che l’uomo sottoposto al ferma sia veramente l’aggressore.

Così la caccia all’uomo non accenna a fermarsi e la Polizia ha diffuso un Identikit del ricercato parlando di un uomo di circa 40 anni, biondo, di grossa corporatura, con indosso una felpa verde e pantaloni grigi, uno zaino sulle spalle e un tappetino da camping arrotolato. L’uomo pare sia fuggito a bordo di una bici nera. In tutto questo resta ancora ignoto il movente che ha portato l’uomo a compiere questo gesto: non si sa quindi se sia un atto legato al terrorismo islamico oppure semplicemente un atto di follia; nelle prossime ore la polizia sicuramente darà informazioni maggiori in merito.

Informazioni per i turisti

Per quanto riguarda i turisti che si trovano a Monaco in queste ore o che hanno in programma una viaggio nelle prossime ore, non vi sono indicazioni particolari da parte della Farnesina. Le forze dell’ordine locali, ovviamente, raccomandano attenzione e uno stato di allerta fino a quando non verrà fermato ufficialmente l’uomo che ha compiuto il gesto. Per quanto riguarda trasporti e viaggi la situazione è quindi normale.