CONDIVIDI
scossa di terremoto
Scossa di terremoto a Latina (Mappa INGV)

Questa mattina poco prima delle 9, gli abitanti di Latina e dintorni sono stati colti di sorpresa da una scossa di terremoto. Una scossa di lieve entità che tuttavia è stata bene avvertita dalla popolazione, che è scesa in strada, uscendo di corsa da case, uffici, scuole e negozi. Le scuole sono state temporaneamente evacuate.

Scossa di terremoto a Latina: cosa è successo

Il terremoto, come da rilevazioni dell’INGV, Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, ha avuto una magnitudo di 2.8 sulla scala Richter ed è stato registrato alle ore 8.57 con epicentro tra Latina e Sermoneta, nella zona di Latina Scalo. La profondità del sisma è stata di 4 km, e forse proprio la circostanza di un terremoto così superficiale ha fatto sì che fosse ben avvertito dalla popolazione.

Le località più vicine all’epicentro sono: Sermoneta 4 km, Norma 6 km, Bassiano 7 km. Latina 8 km, Sezze 10 km, Cisterna di Latina 12km.

Secondo le rilevazioni dell’INGV, la scossa di terremoto si sarebbe verificata proprio in corrispondenza della scuola media Manuzio, a Latina Scalo. La scuola è stata immediatamente evacuata. Sono satte evacuate anche altre scuole: l’istituto agrario San Benedetto di Borgo Piave e la scuola elementare di via Quarto.

La scossa è stata avvertita molto distintamente in centro a Latina, così intensa che ha creato attimi di panico, con le persone che si sono riversate in strada, uscendo di corsa dagli uffici dell’Inps e dagli edifici della zona Dogane. Gli abitanti hanno segnalato i lampadari in casa che oscillavano.

Tanta paura, ma fortunatamente nessuna conseguenza. Passato il panico, sono tutti rientrati in casa, nelle scuole e negli uffici pubblici.

Nel frattempo, continuano senza sosta le scosse lievi nelle zone dell’Italia centrale colpite dai forti terremoti di agosto e di ottobre 2016. Qui l’attività sismica non si è mai fermata, scosse di magnitudo intorno a 2 gradi o poco superiori continuano a verificarsi quasi tutti i giorni. L’ultima in ordine di tempo risale a ieri pomeriggio 27 settembre , alle 17.59, a Ussita, in provincia di Macerata, nel Parco dei Sibillini, una scossa di magnitudo 2.1; l’ultima più forte, invece, è stata di magnitudo 2.7 a Pietracamela, in provincia di Teramo, ieri alle 10.59.

VIDEO INGV: La prima settimana della sequenza sismica in Italia centrale in un minuto