CONDIVIDI
uragano in vacanza
Uragano (iStock)

Uragano in vacanza: alcuni suggerimenti pratici su come mettersi al riparo e salvarsi. Ci auguriamo sempre che non accada, tuttavia, qualora doveste trovarvi nel bel mezzo di uragano mentre siete in vacanza, ci sono alcune regole pratiche da seguire per evitare conseguenze nefaste.

Gli uragani sono tempeste tropicali violente che si formano nell’Oceano Atlantico centro-settentrionale (emisfero nord), nel Golfo del Messico e nel Mar dei Caraibi, ma anche nell’Oceano Pacifico settentrionale a est della linea del cambiamento di data. I cicloni che si formano nel Pacifico settentrionale a ovest della linea del cambiamento di data, si chiamano invece tifoni, dal cinese “ty fung”, che significa “grande vento”, perché si formano soprattutto nel Mar della Cina.

Gli uragani oltre a portare quantità enorme di precipitazioni si caratterizzano soprattutto per i loro venti molto potenti, con raffiche fortissime che superano i 200 km orari, anche fino a 250 km orari. I venti degli uragani possono sradicare alberi, scoperchiare tetti di case, far volare automobili. Hanno una forza distruttiva impressionante. L’intensità di un uragano è stimata secondo categorie che vanno da 1 a 5. Gli uragani ci categoria 5 sono quelli distruttivi, con venti ben sopra i 200 km orari. Come il recente uragano Irma, che ha distrutto le isole più piccole delle Antille.

La stagione degli uragani atlantici va dal 1° giugno e il 30 novembre, solitamente quelli più violenti si formano tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. I mesi peggiori sono quelli di settembre e ottobre. Questi uragani atlantici colpiscono le isole del Mar dei Carabi, la coste del Golfo del Messico, gli Stati meridionali e orientali degli Usa. Ricordiamo tutti i danni devastanti degli uragani Katrina (che distrusse New Orleans) e Sandy (che provocò gravissimi danni alla costa del New Jersey, arrivando fino a Newy York).

Il National Hurricane Center di Miami monitora il bacino dove si formano le tempeste tropicali e gli uragani, pubblica resoconti, previsioni meteo e lancia avvisi sugli uragani in arrivo. Avvisi pubblicati insieme alla NOAA, National Oceanic and Atmospheric Administration, l’agenzia governativa americana che si occupa del clima e in praticolare delle condizioni degli oceani e dell’atmosfera. La NOAA ha anche un network di radio, attivo 24 ore su 24 e senza pubblicità, che fornisce informazioni sulle condizioni meteorologiche e sugli uragani in arrivo.

Uragano in vacanza: le regole di comportamento

Quando vi trovate in una zona dove sta per arrivare un uragano, ecco tutto quello che dovete sapere per mettervi in salvo.

1) Ascoltate la autorità: le allerte meteo, gli avvisi sugli uragani, le raccomandazioni sui comportamenti da tenere, gli ordini di evacuar

2) Tenetevi sempre informati sulle condizioni meteorologiche attraverso i notiziari, i programmi tv e i siti web dedicati al meteo. Per conoscere gli uragani in arrivo e avere informazioni dettagliate, consultate il sito web: www.nhc.noaa.gov

3) Per ogni ulteriore consiglio ed eventuale richiesta di aiuto presso le nostre sedi diplomatiche all’estero, consultate il sito web della Farnesina www.viaggiaresicuri.it e prima di partire registratevi sul sito per comunicare il Paese di destinazione e la vostra posizione.

4) Quando sta per arrivare un uragano mentre siete in vacanza, riparatevi in un posto sicuro al chiuso. Le autorità locali vi consiglieranno dove andare o allestiranno appositi rifugi. Può capitare, infatti, che il vostro albergo non sia un posto sicuro o che dobbiate abbandonare il resort sulla spiaggia, perché la posizione e la fragilità della struttura non garantirebbero la vostra incolumità. In questi caso sono le autorità locali ad organizzare l’evacuazione, con la collaborazione della autorità diplomatiche del Paese di provenienza dei turisti nel dare assistenza.

5) Se restate nella vostra casa o villa delle vacanze, dovete metterla al sicuro. Portate in casa tutti gli arredi da giardino, vasi e oggetti vari. Chiudete la macchina in garage. Sbarrate porte e finestre con tavole di legno o di metallo per proteggerle. Fate scorta di acqua potabile e di cibo che durino alcuni giorni. Non dimenticate i medicinali che prendete abitualmente e altri che vi possono servire al momento, indispensabile un kit per pronto soccorso. L’acqua è fondamentale perché potreste rimanere senza. L’uragano potrebbe mettere fuori uso gli acquedotti.

6) Se restate in casa durante l’uragano, appoggiate a terra gli oggetti e i mobili che possono rovesciarsi facilmente e che sono pericolosi. Se avete una casa robusta e siete ben protetti la casa è il vostro rifugio, aspettate che l’uragano passi, mantenendovi comunque lontani dalle finestre. Se invece la vostra casa è fragile, rintanatevi nella cantina o nel seminterrato. Se non lo avete, scegliete la stanza più piccola della casa o alla peggio nascondetevi dentro un armadio. Portate con voi uno zaino o una borsa con tutto quello che è necessario per la sopravvivenza per diverse ore: acqua, cibo, medicine; una radio per tenervi informati sul passaggio dell’uragano.

7) Abbiate pazienza. Può capitare che la tempesta si plachi per qualche istante, ma che non sia finita. Aspettate quindi a uscire di casa o dai rifugi perché il vento potrebbe calmarsi per un momento e poi tornare improvvisamente più violento di prima. Uscite all’aperto solo quando siete sicuri che sia tutto finito. Anche in questo caso avere delle informazioni aggiornate via radio è l’ideale. Con le vecchie radio analogiche, perché corrente elettrica e rete telefonica potrebbero non funzionare, cosa che accade quasi sempre e il vostro smartphone super tecnologico non vi servirà a nulla.

Uragano in vacanza: consigli per salvarsi