ViaggiNews

Guida di Washington: tutto quello che c’è da sapere sulla capitale degli Usa

sabato, 25 febbraio 2017

Washington DC il Campidoglio (iStock)

Guida di Washington DC. In un viaggio negli Stati Uniti non può mancare la tappa alla capitale Washington, la città della Casa Bianca e degli altri famosi simboli del potere e della storia Usa. Washington DC dovremmo chiamarla per correttezza, come fanno gli americani per distinguerla dallo Stato di Washington, che si trova dall’altra parte del Paese, sul Pacifico. D.C. sta per District of Columbia, il distretto federale autonomo che fa Stato a sé.

La città di Washington ha più di 670mila abitanti, in un territorio di 177 km quadrati, e sorge sulla riva est del fiume Potomac. Divenne ufficialmente la capitale degli Stati Uniti il 17 novembre del 1800, quando si tenne la prima sessione del Congresso federale Usa. In precedenza il Congresso aveva avuto sede a New York e Philadelphia, e anche in altre città. Comunque, la capitale storica degli Stati Uniti, quella dove nacquero la Dichiarazione d’Indipendenza e la Costituzione Usa, può essere considerata Philadelphia. Nel 1790 fu deciso di spostare la capitale in una nuova città, appositamente creata: Washington DC, tra gli Stati del Maryland e della Virginia, che cedettero parte del loro territorio sul fiume Potomac. Il luogo esatto dove doveva sorgere la nuova capitale lo scelse il presidente George Washington, a cui la città fu poi intitolata. Il distretto federale fu chiamato della Columbia, nome di uso comune per l’epoca.

Di Washington DC tutti conoscono il profilo dei principali edifici: Casa Bianca, Capitol Hill, Lincoln Memorial. La città, tuttavia, ha tantissimi altri monumenti da vedere e alcuni dei più importanti musei di tutto il Paese.

Guida di Washington: cosa vedere

Il cuore della città è il National Mall, un grande parco longitudinale, lungo circa 3 km e attraversato da viali, che va dal Campidoglio, a est, fino al Lincoln Memorial, a ovest, e dove sorgono i principali monumenti  e musei di Washington DC.

Il Campidoglio, United States Capitol  chiamato anche Capitol Hill, è la sede dei due rami del Parlamento federale, ovvero del Congresso degli Stati Uniti d’America. È un imponente edificio neoclassico costruito tra la fine del XVIII e la metà del XIX secolo. L’edificio si compone di una grande cupola centrale che unisce le due ali laterali, dove sono ospitati i due rami del Congresso: l’ala nord è occupata dal Senato, l’ala sud dalla Camera dei Rappresentanti. Sulla cupola di erge una statua della Libertà in bronzo. Sulla facciata ovest del Campidoglio si tiene a fine gennaio la cerimonia di giuramento del nuovo Presidente degli Stati Uniti (Inauguration Day), così come altri importanti eventi pubblici. Il Campidoglio è aperto ai visitatori. Nel 2008 è stato aperto il Capitol Visitor Center, un grande centro per l’accoglienza del pubblico, sotto la facciata orientale del complesso.

Dal Campidoglio partono i quattro quadranti in cui è divisa la città di Washignton DC: Nord-ovest (NW), Nord-est (NE), Sud-est (SE), e Sud-ovest (SW). Le strade sono a griglia: quelle da nord a sud sono contrassegnate da un numero, quelle da est a ovest da una lettera (A-W). Alla griglia si sovrappongono grandi strade e viali diagonali, che portano il nome degli Stati. Gli indirizzi indicano sempre il quadrante di appartenenza. Nelle strade indicate con le lettere manca la J che nel XIX secolo non si distingueva dalla I, così le strade con la lettera I sono spesso indicate come “Eye” street per non confonderle con la lettera L e con il numero 1. Fuori dal centro, esaurite le lettere, i nomi delle strade seguono altri schemi. Per orientarsi in città è bene sapere sempre il quadrante dove si trova il luogo che si sta cercando. Comunque, la maggior parte delle attrazioni turistiche si trovano intorno al Campidoglio, lungo il National Mall e nel quadrante di Nord-ovest.

Washington D.C., Capitol Building (Thinkstock)

Davanti al lato est del Campidoglio sorgono i palazzi della Corte Suprema degli Stati Uniti e della Library of Congress. Il complesso del Campidoglio è circondato ad un grande parco e sul lato ovest, dopo il grande prato, è situata una grande vasca, la Capitol Reflecting Pool. Proseguendo verso ovest, sul Mall, si incontrano Union Square e il grande prato attraversato per lungo da Madison Dr NW e Jefferson Dr SW, dove si affacciano i più importanti musei della città: National Gallery of Art e gli imperdibili Musei Smithsonian: National Museum of American History, National Museum of Natural History, National Air and Space Museum, National Museum of African Art, National Museum of the American Indian Arts and Industries Building e lo Smithsonian Castle.

Proseguendo sul Mall sempre in direzione ovest, si trova la rotonda con il Monumento a Washington (Washington Monument) con il grande obelisco in marmo e granito che domina il Mall con i suoi 169 metri di altezza. All’interno c’è un ascensore aperto al pubblico, nel quale si può salire fino in cima, gratuitamente ma con obbligo di prenotazione.

Dal Monumento a Washington andando verso nord si raggiunge il parco ove si affaccia il lato sud della Casa Bianca, mentre a ovest si trova la lunga vasca del Lincoln Memorial, la Reflecting Pool, e in fondo il grande tempio dorico costruito in onore del presidente Abraham Lincoln, il monumento del Lincoln Memorial. Dietro al colonnato si erge l’imponente statua del presidente Lincoln seduto. Accanto al Linconl Memorial sorgono i memoriali ai caduti delle guerre in Vietnam e Corea.

A sud del Mall, sulle rive del Potomac si trova invece il tempietto del Thomas Jefferson Memorial.

La Casa Bianca si trova in Pennsylvania Avenue NW, al numero 1600. Qui si affaccia il lato nord dell’edificio con l’ingresso principale caratterizzato da un portico a forma di pronao, nello stile degli antichi templi greci. L’edificio, costruito tra il 1792 e il 1800, è un lungo parallelepipedo, in stile palladiano italiano, con due ali laterali. La Casa Bianca è la residenza ufficiale del Presidente degli Stati Uniti.

Poco più a nord della Casa Bianca si trova Downtown, dove sorgono diverse chiese: St John’s Episcopal, la Cattedrale cattolica di San Matteo Apostolo, la Metropolitan AME Church. Nelal zona di Logan Circle c’è la chiesa dell’Immacolata Concezione. Da vedere anche il bel quartiere dove sorge la Georgetown University, nella zona ovest. Dupont Circle, invece, è un’elegante zona residenziale e finanziaria.

Washington DC, la Casa Bianca (iStock)

Guida di Washington: cosa fare

Oltre alle visite ai monumenti e musei di Washington, la città ha molti parchi e aree verdi da visitare, oltre al Mall. Da visitare a nord lo Smithsonian National Zoological Park. Oltre il National Mall, al di là del fiume Potomac, si trova il grande parco con il Cimitero militare di Arlington, dove si trova anche la tomba del persidente John F. Kennedy. Qui siamo già fuori del Distretto della Columbia, nella città di Arlington, in Virginia.

Washington è una città molto attiva culturalmente, tra mostre, esposizioni, spettacoli che si tengono in numerosi teatri e sale concerto.

Tra i festival segnaliamo: il Cherry Blossom Festival, a marzo, con gli alberi di ciliegio in fiore donati dal Giappone, e lo Smithsonian Folklofe Festival a giugno. Da non perdere poi la festa del 4 luglio, l’Independence Day, con la grande parata.

Lincoln Memorial e Reflecting Pool ( Harrison Jones, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

Guida di Washington: informazioni pratiche

Ecco alcune informazioni utili per visitare a Washington DC.

Quando andare

Gli inverni di Washington DC sono freddissimi, è pertanto sconsigliato visitare la città in questo periodo a meno che non siate particolarmente amanti del gelo e desiderate vedere la città sotto la neve. Tenete conto, però, che le tempeste di neve e ghiaccio possono paralizzare la città, specialmente durante i mesi più freddi, come gennaio e febbraio. Una visita in questo periodo è a vostro rischio e pericolo. Le estati, al contrario, sono afose, molto calde e umide. Girare per monumenti può essere faticoso. Tuttavia, questo è anche il momento delle vacanze e i viaggi di lavoro in città diminuiscono, insieme alle tariffe degli alberghi. Se sopportate il caldo, l’estate può essere una buona occasione di visita.

In genere, i periodi migliori dal punto di vista climatico sono la primavera, nei mesi di aprile e maggio, e l’autunno, a settembre e ottobre. Il tempo è abbastanza buono e le temperature piacevoli. In primavera potete ammirare lo spettacolo dei giardini e parchi in fiore, mentre in autunno quello del foliage.

Come arrivare

In aereo. Washington DC è collegata con tre aeroporti principali: il Ronald Reagan Washington National Airport, l’aeroporto cittadino che si trova al di là del fiume Potomac, nella città di Arlington, in Virginia; il Baltimore ashington International Airport, a nord di Washington, sotto Baltimora; infine il Washington Dulles International Airport, a poco più di 40 km a nord-ovest della capitale.

In treno. Washington DC è collegata alle principali città americane con i treni della Amtrak. Da New York City il viaggio in treno dura circa 3 ore/ 3 ore e mezza, passando per Philadelphia.

In autobus. Come tutte le città statunitensi, anche Washington DC è collegata al resto del paese con gli autobus a lunga percorrenza Greyhound.

In città ci si sposta agevolmente con la metropolitana, che ha una rete capillare. Non mancano i taxi. Il centro storico con i monumenti principali, che sono tutti vicini tra loro, si visita tranquillamente a piedi o in bicicletta.

Documentazione necessaria

La documentazione necessaria per visitare la città di Washington DC è quella richiesta per viaggiare negli Stati Uniti. Per i turisti occorre passaporto più l’ESTA, ovvero una sorta di visto elettronico che si ottiene con compilando una richiesta online, senza bisogno di recarsi in consolato o ambasciata. Per ottenere l’autorizzazione elettronica, tuttavia, occorrono dei precisi requisti. Prima di organizzare un qualunque viaggio negli Stati Uniti e di prenotare trasporti e alberghi, informatevi bene, per evitare brutte sorprese.

Come spiega il sito Viaggiare Sicuri della Farnesina: per entrare negli Stati Uniti nell’ambito del programma “Viaggio senza Visto” (Visa Waiver Program, VWP) cui partecipa anche l’Italia, è necessario ottenere un’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization). L’autorizzazione, che ha durata di due anni, o fino a scadenza del passaporto, va ottenuta prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti accedendo, almeno 72 ore prima della partenza, tramite Internet al Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio (ESTA) (Electronic System for Travel Authorization) – sito https://esta.cbp.dhs.gov .

Bisogna ricordare inoltre le particolari restrizioni all’ingresso degli Stati Uniti per i cittadini di alcuni Paesi considerati a rischio. Per tutte le informazioni utili rimandiamo al sito web Viaggiare Sicuri: a questa pagina.

Guida di Washington DC: video

Tags:

Altri Articoli Interessanti: