ViaggiNews

La spiaggia misteriosa della Nuova Zelanda

lunedì, 6 febbraio 2017

Spiaggia di Moeraki Boulders, Nuova Zelanda (iStock)

Spiaggia misteriosa in Nuova Zelanda. Tra le spiagge più insolite e straordinarie al mondo, dopo la spiaggia arcobaleno, vogliamo mostrarvi un’altra meraviglia che vi lascerà a bocca aperta. Si tratta della spiaggia di Moeraki Boulders, in Nuova Zelanda. Dove Boulders sono le gigantesche sfere di pietra che sorgono sul bagnasciuga in un tratto della spiaggia di Koekohe Beach, nella regione di Otago, nella parte sud-orientale dell’Isola del Sud (South Island) della Nuova Zelanda, tra le località di Moeraki e Hampden.

L’erosione dell’acqua e del vento ha dato la particolare forma sferica alle rocce sedimentarie che si trovano sulla spiaggia.

Al di là della spiegazione scientifica, però, quello che è affascina il pubblico è soprattutto la leggenda Maori che cerca di spiegare il mistero della presenza sulla spiaggia di questi enormi massi. Secondo i Maori, infatti, le rocce sferiche non sono altro che i resti del naufragio della grane canoa Arai-te-uru, che tra l’altro portò gli antenati della tribù Maori dei Ngāi Tahu sull’Isola Sud della Nuova Zelanda. Le rocce sferiche sarebbero, secondo la leggenda, grandi ceste sferiche per catturare il pesce e portare il cibo, zucche e patate giganti, arenatisi sulla spiaggia dopo il naufragio e pietrificatesi. La scogliera che si estende alle spalle della spiaggia da Shag Point sarebbe lo scafo della grande canoa, mentre il vicino promontorio roccioso sarebbe il corpo del capitano della canoa. Tutti i toponimi Maori della zona portano i portano i nomi dei membri dell’equipaggio e dell’onda che travolse la canoa. Una spiegazione suggestiva e fantasiosa della morfologia della zona.

La spiegazione, scientifica, invece, decisamente meno romantica, indica che questi strani massi si sono formati dal fango delle colline che si affacciano sulla costa, che con l’azione delle onde dell’Oceano, insieme a conchiglie, vegetali e altri sedimenti e con i minerali presenti in acqua, come calcio, magnesio e ferro, hanno assunto la forma di grandi sfere rocciose. Un processo di formazione che ha richiesto milioni di anni. Le sfere rocciose più grandi hanno un diametro di 2 metri e pesano fino a 7 tonnellate. Per formarsi hanno impiegato oltre 5 milioni di anni. Il loro colore è grigio e le rocce presentano anche delle crepe che contengono calcite. Alcune rocce sono frantumate ed è possibile guadarne l’interno.

Sulla spiaggia misteriosa di Moeraki Boulders si trovano circa 50 sfere rocciose. La zona è protetta dalle autorità, con una serie di divieti. La spiaggia può comunque essere visitata e nelle vicinanze ci sono nelle vicinanze diversi servizi per turisti, come un caffè-ristorante panoramico con vista sulla spiaggia, un motel, negozi di souvenir e altro.

La spiaggia misteriosa: come arrivare

Le Moeraki Boulders sorgono su un tratto della spiaggia di Koekohe, sulla costa della regione neozelandese di Otago. Siamo nell’Isola del Sud della Nuova Zelanda, circa 280 kma sud della città di Christchurch. La località è raggiungibile in auto, circa 3 ore e mezza di viaggio, o con in autobus, ma la durata del viaggio è di oltre 5 ore e mezza.

Per ulteriori informazioni sulle Moeraki Boulders consultate il sito ufficiale: www.moerakiboulders.co.nz

La spiaggia misteriosa di Moeraki Boulders. Video

Tags:

Altri Articoli Interessanti: