Meteo, Ponte del 2 giugno: niente estate. Ecco come sarà il tempo

@ GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images
@ GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images

Il Ponte del 2 giugno si avvicina e fervono i preparativi per il lungo weekend che per molti sarà all’insegna di una breve vacanza, per altri l’occasione per una gita fuori porta, magari al mare. Peccato però che il tempo non sarà affatto dei migliori. Anzi, la perturbazione delle Valchirie continua ad imperversare sul nostro Paese e lo continuerà a fare fino a domenica. Insomma, proprio per tutto il weekend.

Ciò che caratterizzerà questi primi giorni di giugno sarà l’instabilità su tutta Italia: fasi asciutte e soleggiate alternate a forti temporali. Come dicevamo il ciclone delle Valchirie è ancora presente: nei prossimi giorni si sposterà verso la Germania, un movimento che favorirà l’ingresso sul nostro Paese di correnti instabili e la formazione di centri di bassa pressione sull’Italia. A risentirne saranno anche le temperature con una media inferiore di 4-5 gradi al periodo. Vediamo la situazione per il ponte al Nord, Centro e al Sud.

Ponte del 2 Giugno al Nord: forte instabilità sulle regioni settentrionali con temporali e locali grandinate che si alterneranno a fasi – brevi – più soleggiate. Fasi soleggiate che faranno capolino soprattutto sull’Emilia Romagna e la Pianura Padana meridionale.

Ponte del 2 Giugno al Centro: instabilità e temporali anche al Centro specie su Appennini, Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo e localmente il Lazio. Sole invece sulla Sardegna.

Ponte del 2 Giugno al Sud: andrà meglio al Sud dove la minore instabilità farà prevalere il bel tempo.

 

Previous articleLo spettacolo della natura, ecco cosa succede al biologo – VIDEO
Next articleTutti pazzi per il ponte di Christo sul Lago d’Iseo
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.