Ryanair, novità in arrivo sulle tariffe e sul bagaglio

Getty Images
Getty Images

 Ryanair, la compagnia low cost più famosa del mondo, vuole migliorarsi ancora. Non solo essere la compagnia low cost più utilizzata, ma essere anche la più amata e quella che offre maggiori servizi al prezzo più conveniente. Intanto che il progetto New York low cost prende sempre più piede grazie all’accordo con la Norwegian Airlines, la compagnia irlandese studia nuove strategie per i suoi passeggeri.

Intanto le tariffe, uno delle voci più importanti per i viaggiatori. Ryanair prevede di abbassarle ulteriormente quest’anno grazie alla riduzione dei costi del carburante. E introdurrà novità sulle tariffe”Leisure Plus” (posti riservati, imbarco prioritario e bagaglio fino a 20 kg)  e il servizio business sarà migliorato con più flessibilità, più aeroporti con l’imbarco veloce e auto check-in per le prenotazioni sui posti riservati.

Poi la questione bagaglio, da sempre nota dolente nei viaggi Ryanair. Le opzioni riguardo il bagaglio saranno semplificate ed i prezzi saranno gli stessi online e in aeroporto. Poi per gli aficionados di Ryanair partirà il programma fedeltà ‘My Ryanair Club’ che prevede sconti e un volo gratuito ogni dodici voli. Ma non finisce qui il restyling e i miglioramenti riguarderanno tutto: dalla flotta (aeromobili con sedili più larghi e più distanziati, luci a led e interni con la predominanza del blu e non del giallo come è attualmente); al sito (più facilità di trovare voli); all’app (si potrà valutare il volo in tempo reale). Insomma, Ryanair vuole essere la numero 1 non solo dei low cost.

 

 

 

Previous articleIsola dei Famosi, scoop sulla diretta di stasera
Next articleQuest’uomo lo vorrebbero avere tutti come capo
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.