Quest’uomo lo vorrebbero avere tutti come capo

tiens

L’uomo ritratto nella foto è Li Jinyan, imprenditore cinese, ed è senza dubbio il capo che tutti vorrebbero avere. Sì perché lavorare è importante, anzi, fondamentale. Ma è altrettanto fondamentale lavorare con il sorriso; magari il sorriso che c’è dopo una vacanza regalata. E come si lavora bene tornati da una vacanza, riposati, con gli occhi pieni di meraviglie? Li Jinyuan sa bene che si lavora meglio: non ha problemi quindi, a sborsare 12 milioni di euro per portare in vacanza qualche migliaio di suoi dipendenti. 

Lo scorso anno l’imprenditore cinese per festeggiare i vent’anni della sua multinazionale, la Tiens, che opera nei più svariati settori ha offerto una vacanza in Francia a circa 6 mila suoi impiegati (la metà dei suoi effettivi). Un soggiorno da sogno fra Parigi e la Costa Azzurra. Quest’anno i fortunati che hanno beneficiato della generosità di Li Jinyan sono stati ‘solo’ in 2500 dipendenti che si sono visti recapitare l’invito per una vacanza in Spagna che li porterà a Barcellona e Madrid per 10 giorni.

In Cina i rapporti fra dipendenti e capi non sono certo dei migliori, le condizioni di lavoro sono estremamente dure e i sindacati sono iper controllati. Insomma, bisogna avere la fortuna di incontrare qualcuno di illuminato e si estremante generoso che come Li Jinyan ti porti in vacanza.

 

Previous articleRyanair, novità in arrivo sulle tariffe e sul bagaglio
Next articleNon crederete mai a che posto sia questo in foto
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.