Meteo, colpa di coda dell’inverno: arriva la neve a bassa quota

neve
MARIO LAPORTA/AFP/GETTY IMAGES

Tutto quello che questo inverno non ha fatto per mesi lo farà appena prima di finire. Un netto cambio di clima, insomma. Stando alle previsioni meteo infatti un grande colpo di coda dell’inverno porterà gelo, freddo e addirittura neve a bassa quota proprio nel suo ultime mese e appena prima di cedere il passo alla Primavera.

Già sul finire di questa settimana e quindi alla fine del mese di febbraio ci sarà un primo importante cambiamento. L’Alta Pressione che ha dominato l’Italia regalandoci un ultimo splendido weekend con sole e temperature miti si sta allontanando favorendo l’ingresso di maltempo governato dalla Bassa Pressione collocata sulla Scandinavia. 

I primi accenni di un tempo che sta mutando ci saranno già fra mercoledì e giovedì con piogge sparse al Nord, ma l’effettivo cambiamento ci sarà nel fine settimana quando è attesa una forte ondata di maltempo con piogge intense anche a carattere di nubifragio.

E arriviamo così a Marzo che stando agli esperti del meteo potrebbe essere il mese in cui scatena la coda dell’inverno. Non sarebbe certo la prima volta di un andamento del genere del clima invernale: nel 2005 – ricorda ilmeteo.it – caddero oltre 20 cm di neve a Genova, 20-25 cm a Milano e 20 anche a Padova.

Quest’anno sono attese delle correnti fredde subpolari che interesseranno l’Italia portando condizioni di forte instabilità, temperature molto rigide e possibile neve a bassa quota. Un sogno per tutti gli amanti della neve che quest’anno non hanno avuto troppe occasioni per apprezzarla.

 

 

Previous articleVirus Zika: allerta zanzare in Europa in vista dell’estate
Next articleLanzarote, nasce il primo museo sottomarino d’Europa
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.