Perché i tappi delle penne Bic hanno un foro?

bic

Quel foro sui tappi delle penne Bic ce lo abbiamo ben presente tutti. Anni di scuola passati con il tappo in bocca a soffiare per sentire che suono faceva. E poi quella domanda che con il passare degli anni si faceva sempre più chiara ‘ma a che serve quel foro sul tappo?’.

Niente è per caso. Non è a caso il taschino dei jeans levi’s (ti stai chiedendo a cosa serve? qui la risposta definitiva) e non è a caso quel forellino. L’azienda della celebre penna a sfera, fondata nel 1945 dal barone di origini piemontesi Marcel Bich da cui deriva il nome Bic, ha messo quel forellino per uno scopo ben preciso che in pochissimi sanno.

 

Il foro serve, come si può leggere sullo stesso sito dell’azienda, per evitare di soffocare nel caso che si dovesse inavvertitamente ingoiare il tappo. Il foro consentirebbe infatti che continui il passaggio dell’aria. La Bic non è la sola penna ad usare questa tecnica. E’ infatti una norma di sicurezza internazionale: se guardate con attenzione i tappi vi accorgerete che in molte hanno dei piccoli fori per il passaggio dell’aria. Un’informazione che rasserena pensando a quando si teneva il tappo in bocca.

 

Previous articleVirus Zika: le raccomandazioni dell’Organizzazione mondiale del turismo
Next articleApre in Italia il primo Ice-Bar: il bar tutto di ghiaccio
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.