Previsioni meteo: neve e gelo anche in pianura. Ecco quando

maltempo-neve-freddo-sud-isolePiogge e poi freddo intenso. Queste le previsioni meteo per la settimana e il ponte dell’Immacolata. La buona notizia, in questo cielo perturbato, è che arriverà la neve anche a basse altitudini per la gioia degli appassionati di sci.  Quindi preparate tute e scarponi perché la prossima settimana si potrà andare sulle piste (ecco dove sciare low cost).

Ma vediamo nel dettaglio la situazione: il ciclone Medea che è arrivato sul Mediterraneo con il suo carico di piogge non ha intenzione di abbandonare a breve il nostro Paese. Anzi fra oggi e domani si rinforzano le perturbazioni con temporali al Nordest e al Centro, in particolare su Lazio, Umbria e Marche. Maltempo che proseguirà fino al weekend: da venerdì però le piogge si concentreranno al Sud e al Centro, mentre al Nord l’arrivo di venti freddi dalla Russia porterà ad un clima più asciutto, ma molto rigido. Domenica nevicate sulle Alpi. Ed è proprio il freddo il protagonista del giorno dell’Immacolata: la colonnina di mercurio inizierà a scendere vertiginosamente in tutta Italia per l’arrivo di una corrente dalla Russia,. Da martedì  si rafforza il fronte del freddo: al Nord quasi ovunque le temperature saranno sotto lo zero. Giovedì 11 una nuova ondata di freddo investirà la nostra Penisola.

Il freddo porta con sé la neve che scenderà su Alpi e Appennini anche a 600 metri. Dando così finalmente avvio alla stagione sciistica. Stando alle previsioni meteo la neve potrebbe cadere anche in pianura al Nord mercoledì 10 dicembre. Insomma il tanto temuto inverno polare sta arrivando.

 

 

 

Previous articleINCREDIBILE! Ecco il messaggio che fa “rompere” Whatsapp
Next articleL’unica sede italiana dello storico jazz club di New York “Blue Note” si trova a …
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.