Home Curiosità Top 10, ecco gli aeroporti peggiori d’Europa FOTO

Top 10, ecco gli aeroporti peggiori d’Europa FOTO

CONDIVIDI

Dopo aver fatto una classifica degli aeroporti più belli del mondo, tra i quali non compare alcuno scalo italiano è d’obbligo fare la classifica di quelli peggiori del mondo dove, ahinoi, figurano ben tre aeroporti nostrani, Orio al Serio (Bergamo), Roma Ciampino e Fiumicino. Scopriamo quali sono gli hub meno accoglienti d’Europa e le motivazioni per le quali sono finite in questa classifica poco edificante stilata dal sito sleepinginairports.net.

Top 10 – Aeroporti peggiori d’Europa

1. Beauvais (Parigi)
Questo aeroporto, poco accogliente e con pochi servizi, dista dalla capitale francese 88 chilometri ed è raggiungibile solo con una navetta che impiega oltre un’ora e mezza. L’unico punto a suo favore riguarda le tariffe competitive delle diverse compagnie low cost che qui transitano.

2. Hahn (Francoforte)
È distante dalla città ben 120 chilometri e ha pochi posti a sedere da offrire a coloro che qui si recano per imbarcarsi. Riuscire a trovarne qualcuno libero è quasi un terno al lotto. Anche qui quello che gioca a suo favore sono le tariffe dei voli low cost.

3. Orio al Serio (Bergamo)
Questo scalo molto utilizzato da coloro che si recano in viaggio a Milano grazie alle tariffe low cost ha diverse problematiche. In primis è poco pulito, e poi le strutture sono fatiscenti e ci sono pochi posti a sedere dove accomodarsi in attesa del proprio volo. Manca la rete Wi-Fi e le prese elettriche da utilizzare per ricaricare i vari strumenti elettronici.

4. Tegel (Berlino)
Questo aeroporto, costruito nel 1970 e mai ristrutturato, è ormai obsoleto e non risponde alle esigenze dei tanti passeggeri che qui transitano. Proprio per queste motivazioni, però, è già in costruzione il nuovo aeroporto di Branderburgo, molto più moderno e attrezzato di tutti i comfort, che aprirà le porte nel 2016.

5. Roma Ciampino
In questo piccolo aeroporto nella città di Roma fanno scalo, soprattutto, le compagnie low cost e, pertanto, è molto frequentato. Peccato, però, che non offra ai passeggeri alcuna comodità. L’hub è piccolo, sovraffollato, confusionario, freddo e con pochissimi servizi per i viaggiatori.

6. Girona (Barcellona)
A 91 chilometri dalla città di Barcellona si trova questo piccolo aeroporto, raggiungibile in poco più di un’ora, con pochi posti a sedere e ancor meno prese elettriche da utilizzare per ricaricare smartphone, tablet, notebook e qualsiasi altro strumento elettronico.

7. Orly (Parigi)
È l’aeroporto più vicino a Parigi ma tanti sono i suoi nei, dalla Wi-Fi gratuita per soli 15 minuti alle strutture vecchie, sporche e in alcuni tratti fatiscenti. A suo favore solo il basso costo dei ristoranti all’interno dello scalo.

8. Luton (Londra)
Dista dalla città di Londra 56 chilometri ed è raggiungibile in circa un’ora. In questo aeroporto la Wi-Fi è a pagamento e durante la notte non è sempre garantita. Pochi posti a sedere per i passeggeri e pochi i servizi offerti.

9. Modlin Mazovia (Varsavia)
Nonostante lo scalo polacco stia migliorando i suoi servizi introducendo più prese elettriche, Wi-Fi gratuito e maggiore pulizia manca ancora molto affinché possa essere considerato un buon aeroporto, infatti ancora troppo pochi i posti a sedere per ospitare i passeggeri in attesa di imbarcarsi.

 10. Roma Fiumicino
Per quanto facilmente raggiungibile dal centro della città grazie al Leonardo Express, il trenino abbastanza economico che impiega circa mezz’ora per arrivare a Fiumicino, l’aeroporto ha ancora diverse pecche. La pulizia non è delle migliori e le sedie dove sistemarsi in attesa del proprio volo sono scomodi e in ferro.