Previsioni meteo weekend 13-14 giugno

pioggia_bigPrevisioni meteo weekend 13-14 giugno / Gli italiani boccheggiano per l’incredibile ondata di afa e caldo piombata sullo Stivale. Un’ondata che ha il nome ben poco rassicurante di Ciclope e che ha portato il termometro ad innalzarsi fino a 36 gradi. E i prossimi giorni continueranno su questi livelli agostani facendoci sognare un weekend al mare o un tuffo in piscina. Ma il tempo – come la vita – sa essere decisamente beffardo. Già perché il caldo continuerà imperterrito fino a venerdì, poi già dal pomeriggio, quando quasi tutti smetteranno i panni del lavoratore per indossare quelli del vacanziere del weekend, il tempo peggiorerà per diventare catastrofico sabato e domenica con grandine, nubifragi e temperature che scenderanno anche di dieci gradi. Insomma, per molti – specie al centro Italia – niente mare e niente piscina.

Previsioni meteo weekend 13-14 giugno

SABATO – Dopo la lotta di venerdì Ciclope si arrende alla perturbazione atlantica che porterà un po’ ovunque piogge e temporali. Particolarmente violenti i fenomeni che si verificheranno in Emilia Romagna e pianura padana, sulla Toscana, Umbria e Marche con possibilità di trombe d’aria. Maltempo anche al sud con forte nuvolosità e piovaschi. Soleggiato sulla Sardegna. Temperature in drastico calo.

DOMENICA – Il maltempo permane al Nord (soprattutto nel Triveneto) e al Centro specie sulla dorsale appenninica, sulle regioni adriatiche e sul Lazio, con temporali di forte intensità e nubifragi nelle Marche. Instabile sul resto del centro e del Nord. Migliora invece al Sud, con isolati rovesci sul nord della Puglia, Sicilia centrale e Calabria. Temperature di 28-30 gradi al sud, altrove 23-26 gradi.

 

 

 

Previous articleMondiali Brasile 2014: le 5 città più belle da vedere
Next articleEstate 2014 voli low cost easyjet: pacchetti in offerta
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.