Home News News | Bob Marley, trent’anni dalla morte: dalla Jamaica a ritmo di...

News | Bob Marley, trent’anni dalla morte: dalla Jamaica a ritmo di reggae

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:59
CONDIVIDI

BON MARLEY TRENT’ANNI MORTE JAMAICA REGGAE CASA MUSEO KINGSTON / ROMA – L’11 maggio 2011 è ricorso il trentennale della scomparsa del Re del reggae. Bob Marley, che è morto a Miami e non in Jamaica sua terra natia, con la musica portava avanti le sue battaglie politiche e i suoi valori sociali e religiosi legati soprattutto alla liberazione dell’Africa, terra madre di tutti i neri d’America, che ancora oggi lotta per la sua libertà e democrazia, fra guerre civili ed estrema povertà.

A Kingston, capitale e porto dell’isola, immersa nel verde, vi è la casa dove Bob Marley, abitava e componeva i suoi album e dove oggi ha sede una casa-museo dell’artista, con i  premi ricevuti, i riconoscimenti, le locandine dei concerti,i video dei tour e le copertine di album storici. Merita una visita anche la città caratterizzata da un architettura coloniale. Tra i posti da visitare : la Kingston Parish Church con la torre dell’orologio emblema della città,  la St Andrews Parish Church, una delle prime chiese dell’isola Giamaicana, lo zoo e il giardino botanico. La  vegetazione rigogliosa di tutta l’isola, ricca di fiori tropicali e foreste e lo spettacolare mar dei Caraibi la rende un isola da sogno, tra le Isole delle Grandi Antille.

Evelina Lonza

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteEventi | Londra tra maggio e giugno: eventi da non perdere
Articolo successivoEventi | Rimini Wellness 2011: la fiera del fitness e del benessere. Info e prezzi
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.