Home Enogastronomia Enogastronomia | Lago di Garda, Fish&Chef: arte, natura e cucina

Enogastronomia | Lago di Garda, Fish&Chef: arte, natura e cucina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:19
CONDIVIDI

Malcesine sul Lago di Garda (foto dal web)

ENOGASTRONOMIA LAGO DI GARDA FISH&CHEF / ROMA – Ritorna l’evento enogastronomico che nel mese di maggio coinvolgerà due splendide e suggestive località sulla riva del lago di Garda.  A Malcesine e nella frazione di Cassone in provincia di Verona, per quattro domeniche di Maggio, (1-8- 15-22) si terrà la manifestazione enogastronomica  Fish & Chef, che prevede la partecipazione di grandi chef provenienti dalle regioni toccate dalle sponde del Lago. In tavola protagonisti saranno i prodotti tipici del Lago di Garda.

Di giorno teatro gastronomico sarà il piccolo e caratteristico centro di Cassone dove oltre al pesce si potranno conoscere altri prodotti locali, come formaggi e  vini, grazie al Consorzio Tutela Monte Veronese DOP e al Consorzio Tutela Bardolino che proporranno tra gli altri, Il Bardolino, un vino fruttato, rosso brillante, gioiellino dei loro vigneti. Il porto del paese uno dei più antichi d’Italia, sarà adibito alla degustazione dei prodotti tipici del lago. Il cibo e il paesaggio mozzafiato che troverete di fronte ai vostri occhi faranno da cornice all’evento per tutto il giorno, fino ai romantici tramonti sul lago verso sera.

Di notte invece l’appuntamento si sposta a Malcesine, il centro più grande, promotore dell’evento.

Qui  presso alcuni noti Hotel della zona,  grandi chef come Alessandro Breda, Manuel e Christian Costardi, Alfio Ghezzi, prepareranno raffinate cene economicamente accessibili a tutti. Il Chiarè l’aperitivo “sparkling”, inventato dallo stesso Consorzio prima citato sarà uno degli elementi “spumeggianti” della serata culinaria.  Una festa diversa per gli amanti della buona tavola e dei prodotti più genuini e controllati, proposti in raffinati  menù  di gusto.

Ospitalità e spostamenti
Il comune di Malcesine ha ottenuto da parte del Touring Club Italiano, la bandiera Arancione, simbolo del  Turismo di Qualità, per  l’impegno nella realizzazione di eventi sul territorio e per aver ampiamente soddisfatto i criteri di ospitalità, accoglienza, attrazione turistica e strutture sul luogo. (cit fonte http://www.comunemalcesine.i t )

Oltre ad un buon servizio di ristorazione e alloggio, la località prevede anche un Tourist Bus di Malcesine, in funzione dalle 8 di mattina fino all’una di notte, per garantire ai turisti collegamenti  con Cassone e i vari  punti di ristorazione tra le due mete sul lago di Garda. Un servizio economico ( solo 1 euro a tratta) ed efficiente.

Da non perdere perciò la visita ai due centri veneti: A Malcenise  c’è da visitare il  castello Scaligero che si affaccia sul Lago, e tutto il pittoresco borgo. Da provare il percorso in funivia che porta i villeggianti fino al Monte Baldo, da cui potrete assistere ad uno spettacolo unico e imperdibile ad oltre 1800 metri d’altezza.

A Cassone invece suggeriamo di visitare il museo del Lago e della pesca, oltre che ovviamente  il borgo cinquecentesco con il porto e le tipiche imbarcazioni usate dai pescatori.  Un appuntamento questo tra natura, arte e cucina adatta anche per un  week end fuori porta all’insegna del relax e della buona cucina.

Come arrivare
Le località del lago di Garda sono raggiungibili ovviamente in autostrada per chi arriva in automobile, ma anche in treno con la stazioni di Rovereto per la parte a Nord (Malcenise) e Peschiera del Garda per le località a sud del Lago, oppure in aereo tramite gli aeroporti di Verona e Brescia.


Evelina Lonza

CONDIVIDI
Articolo precedentePasqua 2011 | Weekend a Rimini fra mare e mercatini
Articolo successivoPasquetta 2011 | I pic-nic del FAI: tra arte e natura
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.