Home Curiosità Moto | Irlanda, dalle scogliere a Dublino per San Patrizio

Moto | Irlanda, dalle scogliere a Dublino per San Patrizio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:23
CONDIVIDI

GUIDE MOTO IRLANDA DUBLINO SAN PATRIZIO / DUBLINO (Irlanda) – Quando si pensa al mototurismo, naturale che la mente vada a viaggi interminabili e di grande ardimento soprattutto negli Stati Uniti, o a mete sacre per i motociclisti come Capo Nord. In Europa, però, ci sono altre miriadi di strade tutte da percorrere e che, in un continente la cui storia si perde nella notte dei tempi, spesso offrono avventure pregne di cultura, storia e, diciamolo pure, magia quanto e spesso molto più dei canonici coast-to-coast americani o dei pellegrinaggi verso la terra di Babbo Natale. Un luogo spesso non considerato  dagli incalliti del manubrio è quella bellissima isola a due passi dall’Inghilterra, l’Irlanda, che offre tutto il fascino di una terra e di una cultura piuttosto estranea a noi mediterranei in un’ampiezza territoriale abbastanza ridotta e quindi adatta a tutti i motociclisti che, pur avendo nel cuore lo spirito di Easy Rider, devono fare i conti con periodi di ferie, budget e cavalcature non in grado di sopportare percorrenze troppo elevate. In questo periodo poi l’Irlanda è ancora più verde: il 17 marzo si festeggia San Patrizio. E i fiumi di Guiness invadono le strade.

Itinerari: Il raggiungere l’Irlanda dall’Italia è già di per sé un viaggio con la V maiuscola, soprattutto se non si risiede a ridosso dei confini nazionali. Per chi vuole godere del fascino dell’isola concentrandosi solo ed esclusivamente sulle sue bellezze quali bianche scogliere a picco sull’oceano, piccole città dal sapore ottocentesco e montagne che tengono testa alle vette dei nostri Appennini, è opportuno preferire un viaggio organizzato. Ce ne sono di molti a costi relativamente accessibili, intorno ai 1500 euro a persona, comprensivi magari di ritiro della moto presso la propria abitazione, consegna della stessa al punto di partenza e di riconsegna a casa a viaggio terminato, spesso abbinati a pacchetti volo o treno andata e ritorno. Naturalmente, con percorsi prestabiliti e pernottamenti prenotati, l’avventura perde un po’ di fascino ma guadagna in comodità, soprattutto se nel pacchetto è compreso il mezzo al seguito della carovana per il trasporto bagagli.  E’ da tener presente comunque che, con una settimana circa di tempo ed una percorrenza complessiva più o meno di 1500 chilometri, si ha la possibilità di visitare tutte le maggiori città dell’isola come Belfast, Dublino, Cork, Waterfort e Galway, compiendo un ampio giro di tutta la costa. I più temerari, che non hanno problemi di tempo e di affidabilità del mezzo, possono invece optare per la via integralista e partire direttamente da casa in sella. In questo caso, considerando il confine italiano come punto di partenza, bisogna mettere in conto almeno 2500 chilometri e due pernottamenti in più, uno in terra di Francia ed uno come ospiti della Regina Elisabetta. Ma questo aggiunge sicuramente coraggio ed importanza all’impresa.

Formule di viaggio: Quale tipologia di viaggio scegliere dipende, ovviamente, dalle esigenze dei singoli. Esistono soluzioni adatte sia al temerario che sale in moto con zainetto, tenda e niente di programmato al comodo che vuole trovare la moto sulla griglia di partenza, magari spedita con un corriere, sapendo già esattamente dove pernotterà, dove mangerà e quali strade dovrà percorrere. Naturalmente il costo medio di un viaggio “tutto compreso” risulterà notevolmente più alto all’inizio, ma badate che tra autostrade, pernottamenti non troppo oculati in ragione magari della necessità impellente e imprevisti di varia natura (un traghetto saltato, uno sciopero o un ritardo che costringe ad un pernottamento in più)  spesso i costi totali delle due formule si avvicinano molto. Se però è proprio l’imprevisto che vi attrae…

Precauzioni: In questa ipotesi è d’obbligo considerare, se la vostra polizza di assicurazione rc non la contempla, una formula assistenza tecnica e recupero stradale valida a livello europeo per evitare che un guasto magari banale comprometta la vacanza. Nel caso di viaggi organizzati, solitamente è già presente nel pacchetto, ma assicuratevene prima di acquistare. Ovviamente, una bella revisione del mezzo ed un minimo di attrezzi al seguito, sono particolari imprescindibili in ogni caso.

Andrea Mariani

CONDIVIDI
Articolo precedenteGuida | Spagna, ecco la top five dei luoghi imperdibili
Articolo successivoMoto | Itinerario in Sicilia: coast to coast
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.