Home Curiosità Vademecum| Bagagli in aereo: ‘Aiuto, ho smarrito la valigia!’

Vademecum| Bagagli in aereo: ‘Aiuto, ho smarrito la valigia!’

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:46
CONDIVIDI

VIAGGI AEREI VALIGIA SMARRITA VADEMECUM / ROMA – Ce n’è una rossa, una con le rotelle, un buffo borsone tutto colarato, delle anonime grigie, un trolley extra lusso con tanto di beauty coordinato. Scorrono una dopo l’altra, mani veloci le prendono, le fanno sparire da quel particolare palcoscenico scorrevole e piano piano non ne rimane più nessuna. Il nastro si ferma. E tu rimani lì, inchiodato. E’ successo. Sì, proprio a te. Ti hanno perso la valigia. E tutto quello che conteneva. E pensare che il tuo golf preferito lo avevi messo lì perché nel bagaglio a mano non entrava. Ed ora? Ti ritrovi dall’altro capo del mondo con nemmeno un cambio. La prima reazione è una sola: urlare, maledire le compagnie aeree, prendersela anche con quell’ hostess del check in che era tanto antipatica (sicuramente è colpa sua), con i ricchi che viaggiano in business class e sicuramente a loro non succede. Dopo di che fate un bel respiro, armatevi di santa pazienza e date retta al vademucum stilato per voi dall’Aduc e dall’Ansa.
LOST – E SPERIAMO- FOUND: Dirigetevi all’ufficio ‘Lost and Found’, ossia oggetti smarriti, presentate il vostro biglietto, il tagliando del bagaglio e compilate il modulo detto Pir (Property Irregularty Report). Questa è la prima operazione da fare in caso di smarrimento o danneggiamento.

RICHIESTA RISARCIMENTO : Se dopo 21 giorni il bagaglio non è stato ritrovato dovete inviare una richiesta di risarcimento alla compagnia aerea, quantificando e documentando la perdita degli oggetti (scontrini, ricevute, etc). Allegate a tutto ciò il codice di prenotazione del volo, se acquistato via Internet, oppure l’originale della ricevuta in caso di biglietto cartaceo; l’originale del Pir rilasciato in aeroporto; l’originale del talloncino di identificazione del bagaglio e la prova dell’eventuale avvenuto pagamento dell’eccedenza bagaglio.

DANNEGGIAMENTO: Entro 7 giorni dalla consegna del Pir in caso di danneggiamento va inviata una richiesta di risarcimento alla compagnia aerea quantificando e documentando il danno.

LIMITI: In caso di perdita o distruzione del bagaglio le compagni aeree che aderiscono alla Convenzione di Montreal (quasi tutte) offrono un risarcimento fin a 1.134 euro. le altre pagano 19 euro al chilo. Il risarcimento potrà essere maggiore se si è fatta la ‘dichiarazione di valore’. Un’opzione a pagamento a carico del passeggero da fare – ça va sans dire – prima del check-in.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFestival | Germania: parte la musica con Women in Jazz
Articolo successivoIdee | Viaggi slow: da Cortina a Londra in pullman
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.