Home Idee di viaggio Norvegia | Festival e tour per l’Aurora Boreale

Norvegia | Festival e tour per l’Aurora Boreale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:04
CONDIVIDI

NORVEGIA FESTIVAL TOUR AURORA BOREALE / OSLO (Norvegia) – E mentre il buio della notte avvolge tutto e tutti ed un vento freddo e glaciale spira selvaggio, in quel momento il cielo è rischiarato da uno degli spettacoli più suggestivi e affascinanti di Madre Natura, l’aurora boreale. Lampi colorati, gialli, bianchi, rossi, verdi colorano il cielo e in un veloce alternarsi creano scenari emozionanti. Fino a marzo questo spettacolo, magico ed evocativo, sarà visibile fra il 65esimo e il 72esimo parallelo, ossia nell’artico. Lì, piazzandosi in campagna, lontano dalle luci delle città, e sperando in una notte senza luna e senza nubi, sarà possibile ammirare questo splendido evento atmosferico. Ci sono diverse agenzie che organizzano tour notturni per portare i turisti a vedere l’aurora boreale: Kjetil Skogli (www.auroraphoto.no), GuideGunnar (www.guide-gunnar.no), Natur i Nord (www.naturinord.no) e Sørøya Havfiske-cruise (www.havcruise.no). Altrimenti potrete volare nella città di Tromsø, la più grande del circolo polare artico, dove dal 28 gennaio al 5 febbraio, si svolge il Northern light festival (www.nordlysfestivalen./no.en). Una rassegna, giunta ormai alla 24esima edizione, tutta dedicata all’aurora boreale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOfferte | Vivi la magia di Disneyland Paris: pacchetti imperdibili!
Articolo successivoTurismo | Sconti negli alberghi a febbraio
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.