Home Alberghi Turismo | Vacanze con Fido: aumentano gli hotel. Ecco l’elenco

Turismo | Vacanze con Fido: aumentano gli hotel. Ecco l’elenco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:19
CONDIVIDI

HOTEL CANI ACCETTATI 4 ZAMPE TURISMO/ ROMA – Buone notizie per i padroni di cani e gatti. Sono sempre più numerosi infatti gli hotel che accettano i nostri amici a 4 zampe. L’iniziativa avviata dal Ministero del Turismo che ha promosso e pubblicizzato il programma di vacanze in compagnia del propio animale ha dato i suoi frutti: sono pressochè raddoppiati gli alberghi che hanno detto sì ai cani. “Ci aspettiamo anche il raddoppio delle presenze – ha detto il ministro Michela Brambilla – Noi vogliamo insistere con la politica di un’Italia animal friendly“. Gli italiani, stando ad un sondaggio dell’Ipsos, sono favorevoli a quest’iniziativa e anzi l’88% chiede di aprire ancora di più strutture ricettive e trasporti pubblici agli animali. Gli hotel più aperti ai 4 zampe sono quelli a 4 o 5 stelle. Man mano che si scende di categoria diminuisce l’offerta. Per conoscere le strutture ricettive che accolgono cani e gatti consultate il sito www.turistia4zampe.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteMostre | Venezia celebra il visionario Bosch
Articolo successivoAustralia | E’ emergenza: evacuata Brisbane
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.