Germania | A bordo di una Trabant: insolita e nostalgica Berlino

La Trabant dipinta sul Muro di Berlino

BERLINO (Germania) – Hanno coniato un termine apposta per descrivere la nostalgia per la Vecchia Germania ante-caduta del muro, per la DDR, per quella vita, ormai scomparsa, della Berlino orientale: ‘Ostalgia‘, (crasi fra le parole tedesche ost, est, e nostalgie, nostalgia). Ed ora a distanza di 21 anni da quel decisivo 9 Novembre 1989 a qualcuno è venuto in mente di far rivivere il sapore agrodolce dell’Est, di ripresentificare qualcosa che altrimenti sarebbe ora in un museo o, peggio, in una discarica: la mitica Trabant. La macchina-icona della DDR ha infatti riacceso i motori ed è pronta a portare in giro per Berlino turisti nostalgici o semplicemente curiosi. Con il Trabi-Safari si possono fare tour a bordo, o perfino alla guida, dell’auto culto della Germania dell’Est. La Trabant si può affittare per qualche ora o per l’intera giornata, a richiesta anche di notte. E la memoria per il passato che non c’è più, affiora alla mente con una semplice, ma fondamentale, sgasata davanti al fu Checkpoint Charlie.

E per chi ama il lusso in ogni sua  declinazione, c’è anche la Trabant limousine. Una versione XXL ed extra lusso della piccola utilitaria dell’Est. Un modo insolito per godersi Berlino.

Per informazioni: www.trabisafari.com / www.trabantberlin.de /www.trabi-xxl.de

C.Z.

Previous articleOfferte | Trenitalia si tinge di rosa
Next articleIrlanda | Dublino, controlli severi all’aeroporto
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.