Mare low cost: a giugno -6% sulle tariffe degli alberghi

| |
1416342523 300x202 Mare low cost: a giugno  6% sulle tariffe degli alberghi

(GettyImages)

Le località più economiche di giugno \Roma – L’estate è sempre più vicina e sono in molti che contrari a partire nei periodi di altissima stagione, si regalano una vacanza nel mese di giugno. Grazie al clima mite della nostra penisola infatti già da questo periodo si può iniziare a godere di calde giornate da trascorrere in una delle magnifiche località di mare della costa italiana (qui guida per mare a giugno). Oltre ad evitare l’affollamento tipico di agosto, c’è anche un altro aspetto che  può invogliare a partire prima: i costi degli hotel decisamente più bassi. Il calo dei prezzi, per pernottare nelle strutture turistiche, non è solo dovuto al fatto che non ci si trova in alta stagione ma, anche perché, rispetto allo stesso periodo del 2011, si sta riscontrando un abbassamento del 6% sulle tariffe proposte da hotel e alberghi nelle principali località di vacanza. Ad affermare il ribasso sui costi di una vacanza a giugno è stato l’Osservatorio del motore di ricerca hotel Trivago.it che, a seguito di un’analisi mirata, ha stabilito una diminuzione netta rispetto ai prezzi alberghieri del 2011. Le località di mare in Italia più interessate da questo calo sono: Bellaria Igea Marina, con -22%, Lignano Sabbiadoro, – 20%, Olbia, Jesolo e Palinuro con -14%. Diametralmente opposte ci sono invece destinazioni come Taormina, Riccione, Sorrento e Ischia che hanno subito aumenti consistenti dal 10 al 4 %. Dall’analisi è emerso anche che la regione più economica è l’Abruzzo, in cui si spende circa 90 euro a notte in camera doppia, seguita da Calabria, Emilia Romagna e Umbria che non superano i 100 euro. Più costose sono invece la Sardegna, la Toscana ed il Lazio mentre, il Veneto è la regione più cara con una spesa di almeno 192euro a notte.

 

 

Ti piace questo post ? Condividilo:
Posted by on giovedì, giugno 7th, 2012. Filed under Curiosità, News, Primo Piano. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can leave a response or trackback to this entry