Stelle cadenti, eclissi e Superlune, cosa guardare nel cielo del 2023

Gli appuntamenti da non perdere: stelle cadenti, eclissi e Superlune, cosa guardare nel cielo del 2023. Tutte le informazioni utili da conoscere.

Con il nuovo anno arrivano tanti nuovi appuntamenti con gli spettacoli da ammirare nel cielo notturno. Tra stelle cadenti, eclissi e Superlune, scopriamo cosa ci aspetta nel 2023.

stelle cadenti eclissi 2023
Stelle cadenti, eclissi e Superlune, cosa guardare nel cielo del 2023 (Foto di Austin Human su Unsplash)

Quest’anno avremo eventi astronomici imperdibili e finalmente le stelle cadenti d’estate in tutto il loro splendore, senza il disturbo della luce della Luna. I pianeti daranno bella mostra e potremo ammirare anche una cometa.

Di seguito vi proponiamo le informazioni sugli appuntamenti con il cielo notturno nel 2023. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Stelle cadenti, eclissi e Superlune, cosa guardare nel cielo del 2023

Sarà un trionfo di spettacoli il cielo notturno del 2023, tra stelle cadenti, eclissi, Superlune, cortei di pianeti e perfino una cometa.

Il nuovo anno comincia proprio con una nuova cometa. Si tratta della cometa C/2022 E3 ZTF, scoperta meno di un anno fa, il 2 marzo 2022, dal Zwicky Transient Facility in California. La cometa raggiungerà il perielio, ovvero il punto più vicino al Sole, il prossimo 12 gennaio. La maggiore visibilità dalla Terra, tuttavia, sarà tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio, quando la cometa si troverà al perigeo, ovvero alla minima distanza dal nostro pianeta.

La nuova cometa cometa C/2022 E3 ZTF si potrà osservare non solo con i telescopi ma anche con normali binocoli, forse perfino a occhio nudo.

Stelle cadenti

Stelle cadenti (iStock)

Si comincia con le stelle cadenti di gennaio. Questo è il mese delle cosiddette Quadrantidi, dette anche Bootidi perché sembrano provenire da una zona del cielo vicina alla costellazione del Boote. Il picco è previsto per la notte tra i 3 e il 4 gennaio, ma sarà visibile solo nelle ore che precedono l’alba. Prima il radiante sarà troppo basso sull’orizzonte per poterle osservare, almeno fino a mezzanotte, poi ci sarà la Luna a creare disturbo con la sua luce. Solo verso le ore mattutine la Luna sarà più bassa sull’orizzonte e quindi consentirà di ammirare lo sciame di meteore, in particolare al Centro Nord. Come riporta l’UAI – Unione Astrofili Italiani.

L’appuntamento dell’anno, però, sarà nel mese di agosto, tra il 10 e il 13, quando finalmente potremo ammirare le favolose Perseidi in tutto il loro splendore. Senza la Luna a disturbare, come è invece accaduto nell’agosto 2022.

A chiudere l’anno delle stelle cadenti saranno, come sempre, le Geminidi, le meteore di dicembre, con picco tra il 13 e il 14. La Luna sarà assente, assicurando così una osservabilità perfetta.

Eclissi

Per il 2023 sono state annunciate ben quattro eclissi, tra primavera e autunno. Solo una, però, sarà visibile dall’Italia. La prima sarà il 20 aprile e sarà un’eclissi di Sole visibile soltanto dall’Indonesia e dall’Australia. Come accade con questi fenomeni, tuttavia, ci sarà la possibilità di assistere all’evento in diretta streaming. Poi se ne verificherà un’altra il 5 maggio e sarà un’eclissi penombrale di Luna, osservabile da Asia, Australia e dalle zone più orientali di Europa e Africa.

Quindi il 14 ottobre è prevista un’eclissi anulare di Sole, visibile dalle Americhe. Infine, il 28 ottobre sarà la volta una eclissi parziale di Luna, che finalmente potrà essere osservata anche dall’Italia, insieme al resto d’Europa, all’Asia, all’Africa e all’Australia occidentale.

Superluna

stelle cadenti eclissi 2023
Luna piena (Foto di SevenStorm JUHASZIMRUS da Pexels)

Quello con la Superluna è diventato ormai un appuntamento irrinunciabile. Si tratta di un fenomeno dal nome non scientifico che si verifica quando la Luna piena è al perigeo, ovvero alla minima distanza dalla Terra e per questo motivo appare più grande e luminosa. Avremo due Superlune in estate: una il 3 luglio e l’altra il 1° agosto.

Non solo, ad agosto avremo un mese con cinque fasi lunari, dunque con due Lune piene, una il 1° e l’altra il 30-31 agosto. La seconda Luna piena del mese è chiamata popolarmente Luna blu. Nome che non ha niente a che vedere con il colore della Luna, quanto piuttosto con l’eccezionalità del fenomeno.

Il 29 settembre, poi, ad autunno astronomico appena iniziato avremo la terza e ultima Superluna dell’anno.

Pianeti

Giove a Saturno (Adobe Stock)

Infine, lo spettacolo da non perdere è quello dei pianeti. Già in questi primi giorni di gennaio, possiamo ammirare nel cielo notturno libero da nuvole o nebbia è possibile osservare tutti i pianeti del nostro Sistema Solare. Per alcuni non visibili a occhio nudo, come Nettuno e Urano, servirà il telescopio, anche uno piccolo va bene. Lo spettacolo, con le stelle più brillanti e la Luna, che sarà piena il 7 gennaio, è assicurato.

Altri appuntamenti imperdibili sono previsti nel corso dell’anno. Il 27 agosto, il pianeta Saturno si troverà all’opposizione, dunque nelle migliori condizioni per essere osservato. Poi, il 19 settembre sarà la volta di Nettuno, ma avrete bisogno del telescopio per ammirarlo. Mentre a novembre saranno Giove e Urano all’opposizione, con uno spettacolo d’autunno.