Si entra gratis nei musei d’Italia, non perdetevi questa occasione

Vi ricordiamo che si entra gratis nei musei d’Italia domenica 4 dicembre, non perdetevi questa occasione. Tutte le informazioni utili.

Segnatevi la data di domenica 4 dicembre: si entra gratuitamente nei musei statali italiani. Torna puntuale un nuovo appuntamento con la Domenica al Museo.

entra gratis musei italia
Si entra gratis nei musei d’Italia, non perdetevi questa occasione (Museo centrale del Risorgimento di Roma al Vittoriano. Immagine: Ministero della Cultura)

Anche se molto probabilmente sarete impegnati con i primi acquisti dello shopping natalizio o con gli addobbi di casa, lasciate un po’ di tempo anche per la cultura, l’arte e la bellezza. Domenica prossima 4 dicembre, infatti, avrete la possibilità di visitare gratuitamente tutti i musei, archivi, aree archeologiche, monumenti e centri culturali statali italiani. All’entrata gratuita aderiscono anche musei e luoghi di cultura di alcune grandi città.

Si tratta dell’iniziativa della Domenica al Museo, prevista ogni prima domenica del mese. Ecco tutto quello che bisogna sapere sulle aperture dei musei e centri di cultura.

Si entra gratis nei musei d’Italia, non perdetevi questa occasione

Prendetevi del tempo per voi e per la vostra famiglia per visitare tanti bellissimi musei e luoghi di cultura in Italia, dove domenica prossima 4 dicembre potrete entrare gratuitamente, grazie all’iniziativa della Domenica al Museo che prevede l’ingresso gratuito per tutti, anche per i turisti stranieri, nella prima domenica del mese.

Grazie all’entrata gratuita potrete visitare anche le mostre temporanee in corso in questi luoghi, là dove non sia previsto comunque il pagamento del biglietto.

Domenica al Museo

Il Ministero della Cultura domenica 4 dicembre ricorda che, come ogni prima domenica del mese, è previsto l’accesso gratuito in tutti i musei, i parchi archeologici e i luoghi della cultura statali aperti al pubblico.

Le visite si svolgeranno negli orari ordinari di apertura degli istituti e dovranno avvenire nel pieno rispetto delle misure di sicurezza vigenti. Non sono previste particolari restrizioni ma è raccomandato l’uso della mascherina protettiva. Il Ministero precisa che alcune sedi sono visitabili solo su prenotazione. È consigliabile, dunque, consultare i siti web dei singoli musei per avere tutte le informazioni dettagliate su possibilità di visita e orari.

Sul sito web del Ministero della Cultura è presente l’elenco aggiornato in tempo reale di tutte le strutture aperte.

Da non perdere, vi ricordiamo i principali musei e monumenti di Roma: il Colosseo, il Foro Romano e Palatino, il Pantheon, il Museo nazionale romano alle Terme di Diocleziano, la Galleria Borghese, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, il Museo centrale del Risorgimento di Roma all’Istituto autonomo Vittoriano e Palazzo Venezia, il Parco archeologico dell’Appia antica, quello di Ostia antica e tanto altro.

Domenica 4 dicembre si entra gratuitamente anche ai Musei Civici di Roma, che appartengono al Sistema Musei di Roma Capitale. In questi luoghi di cultura è possibile visitare gratuitamente anche le mostre in corso e i progetti espositivi multimediali. Salvo dove diversamente previsto.

Ti porto al Museo

Da non perdere, per chi si trova a Reggio Calabria, l’iniziativa “Ti porto al Museo“, con trasporto gratuito in autobus al Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria per le domeniche a ingresso gratuito, dunque anche per il prossimo 4 dicembre.

Domenica il Museo archeologico di Reggio Calabria sarà ad entrata gratuita, essendo di proprietà dello Stato italiano e dunque di competenza del Ministero della Cultura. Una occasione a cui Atam, l’azienda di trasporto locale, ha deciso di aggiungere il servizio bus gratuito per tutti, con corse in partenza anche dalla periferia della città.

entra gratis musei italia
I Bronzi di Riace al Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria (Foto: Mike Dot – stock.adobe.com)

Un’opportunità di cui approfittare anche per ammirare i Bronzi di Riace, esposti nel museo, di cui quest’anno ricorrono i 50 anni dal ritrovamento, con un fitto calendario di eventi in programma.