Il luogo più suggestivo della Toscana dove fare trekking

Se sei alla ricerca di un luogo magico e suggestivo dove fare trekking, la Toscana offre degli itinerari veramente spettacolari. Scopriamo insieme il luogo più bello in assoluto

Non solo passeggiate nella natura ma anche scoperta di luoghi unici nel loro genere e possibilità di fare il bagno nel torrente. Questo e molto altro è possibile durante un’escursione per fare trekking in Toscana.

Cascate di Candalla
Cascate di Candalla (adobe stock)

Non lontano da Camaiore infatti c’è un’oasi incontaminata, non molto famosa, soprattutto per coloro che non vivono nella regione. Qui si trovano le Cascate di Candalla che non solo sono molto particolari come fonte naturale ma sono anche balneabili. Scopri anche il borgo delle 13 cascate. 

Trekking in Toscana: le Cascate di Candalla

Durante l’estate e l’autunno sono il luogo perfetto per un po’ di fresco, lontano dalla metropoli e sono perfette anche per fare il bagno. Intorno ci sono vere e proprie spiagge oltre un parco naturale spettacolare. La zona però è molto suggestiva anche in inverno quando i colori si accendono e tutto diventa uno spettacolo che cambia.

Questa zona offre tantissimi itinerari per fare trekking, è possibile passare nella natura ma anche passeggiare tra i resti dei mulini abbandonati, scoprire gli insediamenti preistorici e anche visitare i dintorni. Le Candalla waterwalls sono cascate che attraggono turisti da tutto il mondo, soprattutto chi ama le avventure naturalistiche. Un luogo immerso nella natura che è una valida alternativa per una gita domenicale.

Il percorso porta ad un sentiero tradizionale e ad uno che invece è più complesso quindi per chi ha già esperienza in materia. L’ambientazione fa il resto ma ovviamente è anche possibile vivere un’avventura, ad esempio fare un’arrampicata. Si parte dal centro storico di Camaiore e si arriva in tante direzioni differenti. Bisogna fermare l’auto lungo la strada e proseguire a piedi per la strada pedonale.

Per chi vuole fare il bagno, una volta arrivati al ponte, è già possibile tuffarsi nelle pozze. In alternativa, continuando a camminare, si può accedere poi alle cascate. Dopo il ponte proseguono le cascate e anche le pozze quindi veramente c’è solo l’imbarazzo della scelta. Le acque sono veramente cristalline e il sentiero è mozzafiato.

La strada che conduce al bosco è unica, bisogna seguire il torrente quindi non ci si può sbagliare. Questa è la via per il trekking più semplice, quindi va bene per tutti. Se invece si è allenati e si vuole un percorso più complesso allora si può selezionare un itinerario diverso, ma sempre facendo attenzione.

Visita al mulino nella foresta

Le spiaggette qui sono immerse nel verde, hanno una cornice di legno che le racchiude e sono anche gratuite quindi perfettamente accessibili. Da visitare anche l’antico mulino che si trova ormai in rovina ma è veramente molto particolare da vedere. È possibile passarci proprio all’interno. Il tetto è crollato ma comunque ancora oggi è uno dei luoghi più amati. Dopo il mulino ci sono le cascate e la foresta che si apre. Sembra quasi un portale verso un mondo fatato per la sua bellezza.

Cascate Toscana
Cascate Toscana (adobe stock)

Ovviamente sono necessarie scarpe da ginnastica e attrezzatura adeguata, non è un percorso complesso ma bisogna comunque fare attenzione perché le rocce sono molto scivolose.