Il Pozzo d’Antullo e la sua particolare leggenda

In Italia ci sono molte aree particolari, è il caso del Pozzo d’Antullo che si trova nel Lazio. Scopriamo perché è così curioso e come visitarlo

Il Pozzo d’Antullo è a tutti gli effetti una dolina carsica ed è posizionato sui Monti Ernici a Collepardo. Tecnicamente è una voragine che si è generata per lo sprofondamento di una parte consistente del terreno dando vita ad un’area molto caratteristica e particolare che vale la pena visitare.

Visita ai monti
Visita ai monti (adobe stock)

All’interno del pozzo, che è avvolto dalla vegetazione, ci sono delle stalattiti particolari perché curve, non è chiaro come queste abbiano fatto ad essere generate in questo modo ma sicuramente sono molto interessanti da osservare da vicino. Di fatto si tratta di depositi di calcare e probabilmente, cosa più plausibile, sono state curvate proprio dal vento.

Alla scoperta del pozzo

Quando si parla di pozzo non bisogna immaginare una piccola area, infatti si tratta di una dolina veramente immensa posizionata tra i monti Monna e Rotonaria. Circa 370 metri, quindi una zona molto estesa, probabilmente dovuta ai fenomeni di carsismo che si sono verificati in zona. Questo fa parte del Parco naturale regionale Monti Ausoni e Lago di Fondi.

La leggenda

Il pozzo è molto famoso per la sua leggenda e in particolare per il nome che lo accompagna. Si racconta che in tutta la zona ci fosse una grande aia e il padrone, di nome Antullo, insieme ad altri cittadini andò a trebbiare il grano il giorno dell’Assunta. Una data sacra in cui tendenzialmente bisognava stare a riposo. Per questo fu punito, insieme agli altri contadini e da qui si generò questa grande voragine che trasportò tutto in basso, anche il povero Antullo. Ovviamente è solo una storia ma alla gente del posto piace molto narrarla ai visitatori.

Tutta l’area, parco compreso, sono di grande bellezza per il paesaggio naturalistico. Vale la pena visitarlo, trattandosi di un luogo anche vicino ad altre bellezze molto caratteristiche della provincia di Frosinone come le Grotte dei Bambocci e le Grotte di Pastena.

Monti Lazio
Monti Lazio (adobe stock)

Il sentiero è da percorrere a piedi, l’auto viene lasciata nel parcheggio e poi bisogna proseguire quindi chiaramente è richiesto un abbigliamento comodo. Le associazioni in loco organizzano varie passeggiati con racconti e anche dettagli inediti. Il prezzo del biglietto è di 2 euro per la visita al pozzo che si sommano ai 5 euro per coloro che vogliono visitare le Grotte di Collepardo.