Il borgo più bello dell’Abruzzo da vedere in inverno

Dove andare in inverno in Abruzzo: il borgo più bello e suggestivo da visitare

borgo abruzzo
Pescocostanzo, il borgo più bello dell’Abruzzo in inverno

In Abruzzo l’inverno si fa sentire parecchio. Questa piccola regione si trova infatti sulle cime più alte dell’Appennino, sul Gran Sasso, vantando montagne spettacolari. Così quando arriva l’inverno e le temperature scendono la neve cade abbondante pressoché ovunque.

Il paesaggio così cambia diventando incantato e i tanti paesini si trasformano in borghi da favola. Fra i tanti borghi bellissimi dell’Abruzzo da vedere in inverno ce n’è uno che è forse il più bello di tutti. Fra natura rigogliosa e testimonianze artistiche, il borgo più bello da vedere in Abruzzo in inverno è Pescocostanzo.

Il borgo più bello con la neve in Abruzzo: Pescocostanzo

L’Abruzzo pullula di borghi incantevoli e di Parchi Naturali, un’unione straordinaria che rende questa regione la meta ideale per chi cerca tranquillità, pace e relax. In inverno con la neve che cade copiosa si ha una ragione in più per andare in vacanza in Abruzzo. Infatti oltre a scenari da fiaba c’è la possibilità di praticare sport invernali in rinomate e attrezzate stazioni sciistiche.

E c’è un borgo in Abruzzo che racchiude tutte le meraviglie di questa regione. Il borgo è Pescocostanzo, uno dei borghi più belli d’Italia e il più bello d’Abruzzo dove andare in inverno.

A rendere così speciale Pescocostanzo sono i preziosi tesori che racchiude. Questo piccolo paesino di appena 1000 anime che si trova a 1395 metri sul livello del mare, uno dei comuni più elevati degli Appennini, in provincia de L’Aquila sul comprensorio dell’Alto Sangro.

Ecco in questo piccolo borgo costruito nel X secolo vi si trovano innumerevoli palazzi ed edifici religiosi di gran pregio. Come la Basilica di Santa Maria del Colle opera barocca, con intarsi romanici, soffitti lignei e imponente con le sue 5 navate (unica chiesa del genere in Abruzzo). Ci sono poi altre chiese rinascimentali, monosteri ed eremi e palazzi nobiliari come lo splendido Palazzo del Municipio del XVIII secolo o il Palazzo Fanzango del 1600.

Girare fra i vicoli di Pescocostanzo vuol dire dunque fare un salto in uno sfarzoso passato, ammirando tradizioni artigiane preziose e celebri in tutta Italia come la lavorazione del merletto, mentre si è circondati da un’impetuosa natura.

Il borgo infatti domina l’Altopiano delle Cinquemiglia proprio alle pendici della Majella ed ha come propria riserva naturale il bosco di Sant’Antonio. Qui di inverno potrete praticare sci di fondo e ammirare quella che è considerata la più bella faggeta di Abruzzo.

La neve in inverno cade abbondante da queste parti e recentemente su monte Calvario che sovrasta il paese sono stati realizzati impianti sciistici. In pochissimo tempo Pescocostanzo è diventato un punto di riferimento per gli appassionati degli sci al pari di blasonate e più celebri stazioni come Roccaraso. Si può salire in seggiovia fino al rifugio posto a 1729 metri.

Pescocostanzo è dunque uno dei borghi più belli da vedere in Abruzzo e uno dei più suggestivi da visitare in inverno. Che abbiate voglia di sciare o anche solo di ammirare il panorama!

 

Previous articleI segreti per far funzionare la vostra prima vacanza di coppia insieme post-pandemia
Next articleGoverno: ancora discoteche chiuse e mascherine all’aperto
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.